1981/1982 Juventus-Ascoli 1-1

On line dal 1999. Per parlare dell'Ascoli Calcio.

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Rispondi
lafaina2
Messaggi: 3207
Iscritto il: lunedì 12 gennaio 2015, 14:12
Settore Stadio: Tribuna Ovest Poltrona Gialla

1981/1982 Juventus-Ascoli 1-1

Messaggio da lafaina2 » martedì 8 ottobre 2019, 15:53

Tra gli Ascoli più forti, magari sulla carta o che ritenevo tali o che mi piacevano tantissimo, ho sempre inserito al primo posto, nel mio tabellino personale, questo del 1981/1982 con mazzone in panca.

Arrivammo sesti, e nel ritorno le prime due partite, consecutive e in trasferta, le perdemmo alla terzultima e penukltima quando ormai avevamo mollato gli ormeggi perchè non avevamo più alcun obiettivo possibile.

Gran campionato anche quello.

gran campionato...

Vero che avevamo venduto Moro e Scanziani (digli niente!), vero che Novellino sarebbe arrivato l'anno dopo (digli ancora niente!) però avevamo una squadra che faceva tremare quando scendeva in campo.

Quadratissima, esperta in tanti, imprevedibile in tanti altri elementi.

Con alcuni, tipo Pircher, che esplosero definitivamente.

Carletto la faceva giocare, come diceva spesso lui in TV nazionale e sui giornali, alla belga, che era una delle migliori scuole e di quelle più innovative di quegli anni.

In quel calcio correvano davvero tutti e tutti si aiutavano l'un l'altro, sia in attacco che in difesa.

Avevamo una mente pensante, lenta ma gran centrocampista, come De Vecchi che due anni prima era titolare del Milan della stella.

Bene in quell'anno, vinse lo scudetto la Juventus all'ultimo "polemico" respiro sulla Fiorentina che era considerata dai tecnici l'unica vera antagonista.

Alla fine li divise un punto all'ultima giornata.

Bene.

All'andata battemmo la Juve col gol di nuca di Nicolini nel secondo tempo.

Andammo su che mancavano cinque giornate, la juve e la fiorentina erano a pari punti (o anche la juve ne aveva uno di vantaggio, non ricordo perfettamente).

Prima mezz'ora abbondante, ci fanno neri ma resistiamo, non alla gtrandissima, ma alla grande, anche se Tradelli segnò il gol del loro vantaggio.

Ero su ed ero in tribuna centrale. Avevo ricevuto un regalo grande.

nell'intervallo la gente di torino commentava ed era soddisfatta anche perchè la fiorentina pareggiava in casa col Bologna.

Tutti soddisfatti ma un uomo, juventino, alto, distinto, magro, con gli occhiali da vista a lenti leggermente oscurate, con un trench marrone scuro, cravatta ben visibile sotto la giacca, radiolina in mano, disse.

Ero poco più in là.

"Attenzione a due cose: a firenze la partita non è finita.

Ma soprattutto attenzione all'Ascoli di Carlo Mazzone!

Questi all'andata, nel secondo tempo, io ero ad Ascoli a vedere la partita, ci misero sotto, corsero più di noi ed hanno tante frecce al loro arco. Dobbiamo subito fare il secondo gol sennò sarà dura tenerli.

Questi sono la provinciale più forte in assoluto della serie A da anni. non mollano mai ed oltre che in casa, dove ti si vorrebbero mangiare anche sui falli laterali, hanno imparato a giocare anche in trasferta.

Non mi fido per niente e non per scaramanzia, ma perchè li temo!"

Bene.

Dopo cinque minuti della ripresa la radiolina gracchia il vantaggio di graziani della fiorentina.

Dop altri tre minuti, azione sulla dx dell'ascoli e Pircher a centro area infila di destro Zoff.

Due minuti prima Scirea aveva salvato sulla linea un'altra nostra incursione.

Logicamente ci teniamo un pò dietro, a queit empi coi due punti a vittoria,uscire con un pareggio dal comunale di torino contro la juve era un'impresa, però li teniamo sempre e solo in apprensione.

Verso la fine della partita, mi viene da guardare (in tribuna si stava seduti) quel signore dell'intervallo. Anche lui incrocia il mio sguardo e credendo fossi dei loro, mi disse, scuotendo la testa:

"Deve finire quanto prima, perchè questi marchigiani ci fanno il culo! Dai retta!"

vedendomi che o seguivo con attenzione ma non dicevo nulla, insiste.

"Io al Del Duca di Ascoli sono stato due volte, e seguo la Juventus spesso, sui campi difficili di provincia, una volta due anni fa e pareggiando 0-0 ci andò di lusso.

E a dicembre dello scorso anno quando perdere uno a zero con quel secondo tempo ci è andata ancora bene.

nessun campo propvinciale è come il Del Duca di Ascoli!

In quel campo ti senti male già come entri, non sono scortesi, ma ti fanno sentire straniero anche in tribuna e anche se la partita non è cominciata e anche nei ristoranti della città se vai a mangiare"

non sapeva e non gliel'ho certamente detto, ma quanto cazzarola gongolavo quando diceva quelle cose...

eheheheheheheheheh

Cacciatore
Messaggi: 422
Iscritto il: mercoledì 5 aprile 2017, 0:34
Settore Stadio: Distinti

Re: 1981/1982 Juventus-Ascoli 1-1

Messaggio da Cacciatore » martedì 8 ottobre 2019, 17:00

lafaina2 ha scritto:
martedì 8 ottobre 2019, 15:53
Tra gli Ascoli più forti, magari sulla carta o che ritenevo tali o che mi piacevano tantissimo, ho sempre inserito al primo posto, nel mio tabellino personale, questo del 1981/1982 con mazzone in panca.

Arrivammo sesti, e nel ritorno le prime due partite, consecutive e in trasferta, le perdemmo alla terzultima e penukltima quando ormai avevamo mollato gli ormeggi perchè non avevamo più alcun obiettivo possibile.

Gran campionato anche quello.

gran campionato...

Vero che avevamo venduto Moro e Scanziani (digli niente!), vero che Novellino sarebbe arrivato l'anno dopo (digli ancora niente!) però avevamo una squadra che faceva tremare quando scendeva in campo.

Quadratissima, esperta in tanti, imprevedibile in tanti altri elementi.

Con alcuni, tipo Pircher, che esplosero definitivamente.

Carletto la faceva giocare, come diceva spesso lui in TV nazionale e sui giornali, alla belga, che era una delle migliori scuole e di quelle più innovative di quegli anni.

In quel calcio correvano davvero tutti e tutti si aiutavano l'un l'altro, sia in attacco che in difesa.

Avevamo una mente pensante, lenta ma gran centrocampista, come De Vecchi che due anni prima era titolare del Milan della stella.

Bene in quell'anno, vinse lo scudetto la Juventus all'ultimo "polemico" respiro sulla Fiorentina che era considerata dai tecnici l'unica vera antagonista.

Alla fine li divise un punto all'ultima giornata.

Bene.

All'andata battemmo la Juve col gol di nuca di Nicolini nel secondo tempo.

Andammo su che mancavano cinque giornate, la juve e la fiorentina erano a pari punti (o anche la juve ne aveva uno di vantaggio, non ricordo perfettamente).

Prima mezz'ora abbondante, ci fanno neri ma resistiamo, non alla gtrandissima, ma alla grande, anche se Tradelli segnò il gol del loro vantaggio.

Ero su ed ero in tribuna centrale. Avevo ricevuto un regalo grande.

nell'intervallo la gente di torino commentava ed era soddisfatta anche perchè la fiorentina pareggiava in casa col Bologna.

Tutti soddisfatti ma un uomo, juventino, alto, distinto, magro, con gli occhiali da vista a lenti leggermente oscurate, con un trench marrone scuro, cravatta ben visibile sotto la giacca, radiolina in mano, disse.

Ero poco più in là.

"Attenzione a due cose: a firenze la partita non è finita.

Ma soprattutto attenzione all'Ascoli di Carlo Mazzone!

Questi all'andata, nel secondo tempo, io ero ad Ascoli a vedere la partita, ci misero sotto, corsero più di noi ed hanno tante frecce al loro arco. Dobbiamo subito fare il secondo gol sennò sarà dura tenerli.

Questi sono la provinciale più forte in assoluto della serie A da anni. non mollano mai ed oltre che in casa, dove ti si vorrebbero mangiare anche sui falli laterali, hanno imparato a giocare anche in trasferta.

Non mi fido per niente e non per scaramanzia, ma perchè li temo!"

Bene.

Dopo cinque minuti della ripresa la radiolina gracchia il vantaggio di graziani della fiorentina.

Dop altri tre minuti, azione sulla dx dell'ascoli e Pircher a centro area infila di destro Zoff.

Due minuti prima Scirea aveva salvato sulla linea un'altra nostra incursione.

Logicamente ci teniamo un pò dietro, a queit empi coi due punti a vittoria,uscire con un pareggio dal comunale di torino contro la juve era un'impresa, però li teniamo sempre e solo in apprensione.

Verso la fine della partita, mi viene da guardare (in tribuna si stava seduti) quel signore dell'intervallo. Anche lui incrocia il mio sguardo e credendo fossi dei loro, mi disse, scuotendo la testa:

"Deve finire quanto prima, perchè questi marchigiani ci fanno il culo! Dai retta!"

vedendomi che o seguivo con attenzione ma non dicevo nulla, insiste.

"Io al Del Duca di Ascoli sono stato due volte, e seguo la Juventus spesso, sui campi difficili di provincia, una volta due anni fa e pareggiando 0-0 ci andò di lusso.

E a dicembre dello scorso anno quando perdere uno a zero con quel secondo tempo ci è andata ancora bene.

nessun campo propvinciale è come il Del Duca di Ascoli!

In quel campo ti senti male già come entri, non sono scortesi, ma ti fanno sentire straniero anche in tribuna e anche se la partita non è cominciata e anche nei ristoranti della città se vai a mangiare"

non sapeva e non gliel'ho certamente detto, ma quanto cazzarola gongolavo quando diceva quelle cose...

eheheheheheheheheh
Che tempi!!! Andavi al del duca e respiravi Aria DI GUERRA!!!! E spesso non ce n'era per NESSUNO.... pure franco baresi disse "quando giocavi al del duca sentivi l'erba che ti scottava sotto le scarpette ed il pubblico che ti toglieva l'aria e non ti faceva respirare ".....

lafaina2
Messaggi: 3207
Iscritto il: lunedì 12 gennaio 2015, 14:12
Settore Stadio: Tribuna Ovest Poltrona Gialla

Re: 1981/1982 Juventus-Ascoli 1-1

Messaggio da lafaina2 » martedì 8 ottobre 2019, 17:11

Cacciatore ha scritto:
martedì 8 ottobre 2019, 17:00
Che tempi!!! Andavi al del duca e respiravi Aria DI GUERRA!!!! E spesso non ce n'era per NESSUNO.... pure franco baresi disse "quando giocavi al del duca sentivi l'erba che ti scottava sotto le scarpette ed il pubblico che ti toglieva l'aria e non ti faceva respirare ".....
Anche i tifosi, della squadra più blasonata d'Italia, quelli che uno Juve - Ascoli era poco meno che una routine, temevano la nostra squadra.
Non è esagerazione: facevame treme davere!

RAGNO
Messaggi: 13283
Iscritto il: giovedì 3 febbraio 2011, 14:11

Re: 1981/1982 Juventus-Ascoli 1-1

Messaggio da RAGNO » mercoledì 9 ottobre 2019, 20:41

il fatto che a quei tempi esistevano prima gli UOMINI poi i calciatori......ragazzi come Anzivino Perico Scanziani Moro Scorza Legnaro e potrei citarne altri 100....erano campioni di vita e di terreno di gioco.....ora abbiamo tante fregne mosce, tatuate, che pendono dai voleri dei procuratori......
Io GRAZIE A DIO mi sono goduto tutti gli Ascoli più belli dei tempi d'oro....dalla 1^ promozione in B alla 1^ promozione in A, l'anno dei records in B di Mimmo Renna, il 4^ posto nel 79-80 ed il 6^ posto nel 81-82.....questi tempi non torneranno più.....non ci sarà più un COSTANTINO ROZZI....ASCOLANO ED INNAMORATO DI ASCOLI E DELL'ASCOLI.....

Avatar utente
Barelò
Messaggi: 19844
Iscritto il: lunedì 4 giugno 2007, 21:46
Settore Stadio: Uebcronaca
Località: Nervesa della Battaglia TV

Re: 1981/1982 Juventus-Ascoli 1-1

Messaggio da Barelò » mercoledì 9 ottobre 2019, 20:50

RAGNO ha scritto:
mercoledì 9 ottobre 2019, 20:41
il fatto che a quei tempi esistevano prima gli UOMINI poi i calciatori......ragazzi come Anzivino Perico Scanziani Moro Scorza Legnaro e potrei citarne altri 100....erano campioni di vita e di terreno di gioco.....ora abbiamo tante fregne mosce, tatuate, che pendono dai voleri dei procuratori......
ASCOLI UNCIUETTABLE

Avatar utente
Barelò
Messaggi: 19844
Iscritto il: lunedì 4 giugno 2007, 21:46
Settore Stadio: Uebcronaca
Località: Nervesa della Battaglia TV

Re: 1981/1982 Juventus-Ascoli 1-1

Messaggio da Barelò » mercoledì 9 ottobre 2019, 20:52

Cacciatore ha scritto:
martedì 8 ottobre 2019, 17:00
Che tempi!!! Andavi al del duca e respiravi Aria DI GUERRA!!!! E spesso non ce n'era per NESSUNO.... pure franco baresi disse "quando giocavi al del duca sentivi l'erba che ti scottava sotto le scarpette ed il pubblico che ti toglieva l'aria e non ti faceva respirare ".....
https://www.ilrestodelcarlino.it/ascoli ... -1.2714994
ASCOLI UNCIUETTABLE

RAGNO
Messaggi: 13283
Iscritto il: giovedì 3 febbraio 2011, 14:11

Re: 1981/1982 Juventus-Ascoli 1-1

Messaggio da RAGNO » giovedì 10 ottobre 2019, 7:22

purtoppo guardare indietro ci potrebbe fare solo male....sull'erbetta del DEL DUCA hanno spesso pianto juve milan inter roma lazio napoli bologna fiorentina....decide e decine di vittorie....e quando si pareggiava....pareva che avevamo perso.....
Guardiamo avanti....sennò me c'esce da piagne....

Cacciatore
Messaggi: 422
Iscritto il: mercoledì 5 aprile 2017, 0:34
Settore Stadio: Distinti

Re: 1981/1982 Juventus-Ascoli 1-1

Messaggio da Cacciatore » venerdì 11 ottobre 2019, 11:16

RAGNO ha scritto:
giovedì 10 ottobre 2019, 7:22
purtoppo guardare indietro ci potrebbe fare solo male....sull'erbetta del DEL DUCA hanno spesso pianto juve milan inter roma lazio napoli bologna fiorentina....decide e decine di vittorie....e quando si pareggiava....pareva che avevamo perso.....
Guardiamo avanti....sennò me c'esce da piagne....
Be', e vero che quei tempi non torneranno più ma io sono fiducioso con questo nuovo patron e con l'entourage che lo circonda.... all'epoca quando seppi che Pulcinelli era interessato all'acquisto, conoscendolo di fama, non ci credevo che potessimo entrare nella sua sfera professionale e progettuale. Abbiamo rischiato di cadere nelle mani degli altri "avventurieri" ma poi secondo me ci è andata di lusso.... c'è cmq la speranza di vivere, in tempi diversi da quelli che citiamo e che fortunatamente abbiamo vissuto, altri periodi ricchi di soddisfazioni per i quali ci sentiremo ancora orgogliosi di essere ascolani.... pozza ji be'!!!!!

Rispondi