Vino e dintorni....

Spazio libero per la discussione di tutti gli altri argomenti e per tutti i tipi di richieste extra-calcistiche.

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

principe
Messaggi: 213
Iscritto il: giovedì 27 luglio 2006, 16:18

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da principe » domenica 28 maggio 2017, 18:35

Lo sapete che i premi molto spesso sono " a pagamento" ? Cioe' sono una pura azione di marketing. Il fatto che Domodimonti non prenda premi probabilmente significa che non ha bisogno di azioni di marketing che prevedono sostegno pubblicitario con premi. Qualora ne avesse bisogno pensate non inizierebbe a " vincere " premi?

Avatar utente
63100
Messaggi: 1084
Iscritto il: sabato 17 ottobre 2009, 19:19
Settore Stadio: Curva Sud

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da 63100 » domenica 28 maggio 2017, 18:44

principe ha scritto:Lo sapete che i premi molto spesso sono " a pagamento" ? Cioe' sono una pura azione di marketing. Il fatto che Domodimonti non prenda premi probabilmente significa che non ha bisogno di azioni di marketing che prevedono sostegno pubblicitario con premi. Qualora ne avesse bisogno pensate non inizierebbe a " vincere " premi?
Allora ne scherzeme pe gnè.
Spesso mi sono trovato in disaccordo con Nilo,ma stavodda ha 100% di ragione,la qualita(in generale)non c'entra niente col merketing.
Il vino fatto in quella cantina non ha qualità AFFATTO(io la vedo così,ed è stato confermato da tante persone che l'hanno provato).
Per l'Ascoli hai speso la vita....onorare il tuo nome la nostra unica partita

Avatar utente
tozzi
Moderatore
Messaggi: 26142
Iscritto il: domenica 6 luglio 2008, 7:55
Settore Stadio: Curva Sud
Località: Lecce

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da tozzi » domenica 28 maggio 2017, 18:45

Scì però questa disputa va su Passarò dai.
"L'Ascoli è capace di grandi cose. Rende intimi amici persone che, senza l'Ascoli, normalmente si sarebbero magari solo conosciute, dei fratelli persone che eppure, senza l'Ascoli, le cui strade si sarebbero magari solo sfiorate. Dei consanguinei bianconeri, potremmo chiamarli, persone apparentemente che sono di estrazione sociale e culturale diversa, di dialetti diversi. Che, senza l'Ascoli, si sarebbero potuti incrociare probabilmente solo in un autogrill o in un supermercato, tutti invece animati da una delle grandi passioni della loro vita, se non la più grande, l'Ascoli calcio" (Costantino Rozzi, 12 Maggio 1989).

"Il cervello comanda il cuore, ma senza il cuore il cervello non funziona" (Francesco Bellini, 19 novembre 2014).

principe
Messaggi: 213
Iscritto il: giovedì 27 luglio 2006, 16:18

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da principe » domenica 28 maggio 2017, 18:58

Mi spiego meglio, se avesß bisogno di sostegno pubblicitario potrebbe realizzare un vino " da premio" che trascinerebbe tutta la produzione nella fama indotta. Probabilmente ( e so che e' cosi) il vino prodotto non e' sufficiente a soddisfare la domanda quindi...... Dei premi o dei vini da ...., premio non sanno che farsene!

Avatar utente
AUGUSTUS REX
Messaggi: 4319
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 11:08
Settore Stadio: Distinti
Località: Li Callare

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da AUGUSTUS REX » domenica 28 maggio 2017, 19:06

Giusto per rimanere in tema, una volta ho chiesto al proprietario di una enoteca cittadina un giudizio sui vini Domodimonti; la risposta è stata che sono al livello di molti altri solo più cari.
Augustus Rex

Avatar utente
NILO
Messaggi: 9026
Iscritto il: martedì 11 gennaio 2011, 22:31

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da NILO » domenica 28 maggio 2017, 19:09

franz ha scritto:
NILO ha scritto:
franz ha scritto:Fatturato e patrimonio credo siano due cose differenti.
Cmq continuino i detrattori a "prenderlo in giro". Stiamo parlando tra noi, gente che prende 10, 20, 30, 50,000 (?), 100 mila(?) euro l'anno, commentando uno che ha speso MILIONI di euro per una cantina di vino. Forse uno sfizio, forse una sfida, forse una delle tante imprese che ha.
E chi "critica" il suo vino, che forse non sarà tra gli eccelsi ma che ha un suo posto dignitoso nella galassia dei vini italiani............ mi sa che è abituato al tavernello.
Siamo nellìepoca degli haters, perché sorprenderci?

bella questa. Non la dire in giro perchè sennò pensano che ti fai il Ronco per endovena.
Lascia perde, il vino è un altra cosa.
Mi sa che non hai bevuto mai quello buono, non dico il sassicaia, il kurni, il Rinaldi, un trebbinao di valentini o un Romanee-conti, anche un cencio di Verdicchio in grazia di Dio, perchè il vino di Bellini è più barrique che vino, va bene per i Canadesi, in italia è una barzelletta
Sono contento per te per la tua competenza e conoscenza dei vini, un altro tuo aspetto che scopriamo ora. Io personalmente non me ne intendo molto e preferisco la birra. Per quanto riguarda il vino riesco a malapena a distinguere ciò che è tavernello e ciò che non lo è, senza arrivare a citare i nomi che hai fatto tu di cui alcuni mi sono sconosciuti. Vado a gusto personale: figurati che una volta li assaggiai entrambi e ad un Brunello preferii un Montepulciano d'abruzzo, mi piaceva di più.

Solo che forse hai perso di vista ciò che intendevo, e cioè non che il vino di Bellini è Ottimo, non ho la competenza per dirlo, al massimo dico che non mi dispiace il suo pecorino a cui cmq preferisco il De Angelis (bevo poco vino, mi capirai se non cerco l'eccellenza come te), però dico anche che il suo vino non è il tavernello (se tu mi dici che sono uguali ti credo sulla parola, sei tu ad intendertene) e sentire determinate persone che pur di attaccarlo dicono che il suo vino fa schifo..........mi fa sorridere e pensare che queste persone siano abituate al tavernello (senza infamia per il tavernello, l'ho citato solo come esmepio di vino "da battaglia").

Ovviamente il vino Domodimonti non vincerà mai un premio a Vinitaly, forse nel futuro se cambia ma non si sa, ma è proprio da buttare confrontato non con i top a cui sei abituato tu ma alla "galassia" di vini e vinelli che esistono?
Già che ci sono ti chiedo un parere illuminante: che mi dici di Velenosi? So che ha fatto passi da giganti vincendo premi ed espandendosi nel mercato. Io so solo che non mi dispiacciono (almeno un paio che ho provato). Grazie e ciao.

le critiche per partito preso senza alcun fondamento fatte da chi il vino lo beve per sete più che per cultura meritano solo sberleffi umani.
Parto dal fondo: Roggio del filare, ludi e The rose. Ma parti dal presupposto che Velenosi l'uva la compra (per la maggior parte).
Cmq non è che devi spendere una cifra per vini buoni, domidimonti costa una cifra ma un qualunque vino delle caniette, costa meno e lo surclassa. Prova anche Pantaleone. Rapporto qualità prezzo ottimo.
Se un giorno vuoi spendere un po' di più, prova un "bordò", però sappi che è un vino molto costoso (uno serio è sopra almeno i 50 euro).
Il bordò è un vitigno antico che le marche stanno lentamente riscoprendo... forse è il vero di questa zona.
per la birra ti consiglio Carnival, la fanno ad offida. Metti in preventivo che parliamo dai 7 euro a bottiglia per una 75cl.
A fine mese c'è "castello di birra" a sant'omero, dal 30 al 4 giugno. C'è anche Carnival, così puoi provarle.

ah, per la questione brunello o montepulciano: non c'è niente di male, un vitigno non è superiore per diritto acquisito. Se prendi un barolo da 10 euro fa vomitare rispetto ad un montepulciano di pari prezzo. Se prendi il Kurni è un 100% montepulcinao ma è un eccellenza mondiale.
« L'Ortodossia consiste nel non pensare — nel non aver bisogno di pensare. L'Ortodossia è inconsapevolezza. »
« BIG BROTHER IS WATCHING YOU »


FIDUCIA!

Oetzi
Messaggi: 533
Iscritto il: lunedì 6 marzo 2017, 23:12
Settore Stadio: Curva Sud

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da Oetzi » domenica 28 maggio 2017, 19:51

tozzi ha scritto:Scì però questa disputa va su Passarò dai.
Anche perché io bevo il Tavernello. Perché alla fine costa poco e non mi dispiace. Se devo spendere 15 o 20 euro per una boccia sono sicuro che mi va a ddebbogghia.

superpicchio
Messaggi: 2796
Iscritto il: martedì 29 giugno 2010, 20:36

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da superpicchio » domenica 28 maggio 2017, 20:10

dico la mia sul vino, rosso naturalmente.
quello di Bellini ha un rapporto qualità/prezzo che non sta in piedi, ma non è questo il punto.
detesto TUTTI i vini confezionati, anche i migliori.
se provate a berli tutti i giorni, l'acidità vi arriva alle orecchie.
io lo prendo qui vicino a bologna da un contadino, sui colli di imola, sopra il circuito.... :mrgreen:
è un merlot da urlo, senza conservanti, della serie..... prodotto, fermentato e bevuto. posso berne quanto ne voglio, 12/13 gradi, ma va giù come l'acqua e non smetteresti mai di berlo.
è per quello che ogni tanto scrivo post ascolizzati.... :sogghigno:

ah, dimenticavo, lo pago un euro e settanta centesimi a litro.
Ultima modifica di superpicchio il domenica 28 maggio 2017, 20:14, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
NILO
Messaggi: 9026
Iscritto il: martedì 11 gennaio 2011, 22:31

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da NILO » domenica 28 maggio 2017, 20:13

Se dovete beve lu tavernello pegghieteve nu colli ripani guarda...
« L'Ortodossia consiste nel non pensare — nel non aver bisogno di pensare. L'Ortodossia è inconsapevolezza. »
« BIG BROTHER IS WATCHING YOU »


FIDUCIA!

superpicchio
Messaggi: 2796
Iscritto il: martedì 29 giugno 2010, 20:36

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da superpicchio » domenica 28 maggio 2017, 20:20

NILO ha scritto:Se dovete beve lu tavernello pegghieteve nu colli ripani guarda...
colli ripani non è male e neanche ciù ciù, ma resta il problema dei conservanti.

Avatar utente
tozzi
Moderatore
Messaggi: 26142
Iscritto il: domenica 6 luglio 2008, 7:55
Settore Stadio: Curva Sud
Località: Lecce

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da tozzi » domenica 28 maggio 2017, 20:23

La discussione mi piace ma non è topic (né il forum) adatto. Se viene spostata possiamo alimentarla (e poi Grezzo si scatena :mrgreen: ).
"L'Ascoli è capace di grandi cose. Rende intimi amici persone che, senza l'Ascoli, normalmente si sarebbero magari solo conosciute, dei fratelli persone che eppure, senza l'Ascoli, le cui strade si sarebbero magari solo sfiorate. Dei consanguinei bianconeri, potremmo chiamarli, persone apparentemente che sono di estrazione sociale e culturale diversa, di dialetti diversi. Che, senza l'Ascoli, si sarebbero potuti incrociare probabilmente solo in un autogrill o in un supermercato, tutti invece animati da una delle grandi passioni della loro vita, se non la più grande, l'Ascoli calcio" (Costantino Rozzi, 12 Maggio 1989).

"Il cervello comanda il cuore, ma senza il cuore il cervello non funziona" (Francesco Bellini, 19 novembre 2014).

Nostalgico
Messaggi: 190
Iscritto il: martedì 21 ottobre 2008, 12:42
Località: Ascoli

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da Nostalgico » domenica 28 maggio 2017, 23:58

NILO ha scritto:
franz ha scritto:
NILO ha scritto:
franz ha scritto:Fatturato e patrimonio credo siano due cose differenti.
Cmq continuino i detrattori a "prenderlo in giro". Stiamo parlando tra noi, gente che prende 10, 20, 30, 50,000 (?), 100 mila(?) euro l'anno, commentando uno che ha speso MILIONI di euro per una cantina di vino. Forse uno sfizio, forse una sfida, forse una delle tante imprese che ha.
E chi "critica" il suo vino, che forse non sarà tra gli eccelsi ma che ha un suo posto dignitoso nella galassia dei vini italiani............ mi sa che è abituato al tavernello.
Siamo nellìepoca degli haters, perché sorprenderci?

bella questa. Non la dire in giro perchè sennò pensano che ti fai il Ronco per endovena.
Lascia perde, il vino è un altra cosa.
Mi sa che non hai bevuto mai quello buono, non dico il sassicaia, il kurni, il Rinaldi, un trebbinao di valentini o un Romanee-conti, anche un cencio di Verdicchio in grazia di Dio, perchè il vino di Bellini è più barrique che vino, va bene per i Canadesi, in italia è una barzelletta
Sono contento per te per la tua competenza e conoscenza dei vini, un altro tuo aspetto che scopriamo ora. Io personalmente non me ne intendo molto e preferisco la birra. Per quanto riguarda il vino riesco a malapena a distinguere ciò che è tavernello e ciò che non lo è, senza arrivare a citare i nomi che hai fatto tu di cui alcuni mi sono sconosciuti. Vado a gusto personale: figurati che una volta li assaggiai entrambi e ad un Brunello preferii un Montepulciano d'abruzzo, mi piaceva di più.

Solo che forse hai perso di vista ciò che intendevo, e cioè non che il vino di Bellini è Ottimo, non ho la competenza per dirlo, al massimo dico che non mi dispiace il suo pecorino a cui cmq preferisco il De Angelis (bevo poco vino, mi capirai se non cerco l'eccellenza come te), però dico anche che il suo vino non è il tavernello (se tu mi dici che sono uguali ti credo sulla parola, sei tu ad intendertene) e sentire determinate persone che pur di attaccarlo dicono che il suo vino fa schifo..........mi fa sorridere e pensare che queste persone siano abituate al tavernello (senza infamia per il tavernello, l'ho citato solo come esmepio di vino "da battaglia").

Ovviamente il vino Domodimonti non vincerà mai un premio a Vinitaly, forse nel futuro se cambia ma non si sa, ma è proprio da buttare confrontato non con i top a cui sei abituato tu ma alla "galassia" di vini e vinelli che esistono?
Già che ci sono ti chiedo un parere illuminante: che mi dici di Velenosi? So che ha fatto passi da giganti vincendo premi ed espandendosi nel mercato. Io so solo che non mi dispiacciono (almeno un paio che ho provato). Grazie e ciao.

le critiche per partito preso senza alcun fondamento fatte da chi il vino lo beve per sete più che per cultura meritano solo sberleffi umani.
Parto dal fondo: Roggio del filare, ludi e The rose. Ma parti dal presupposto che Velenosi l'uva la compra (per la maggior parte).
Cmq non è che devi spendere una cifra per vini buoni, domidimonti costa una cifra ma un qualunque vino delle caniette, costa meno e lo surclassa. Prova anche Pantaleone. Rapporto qualità prezzo ottimo.
Se un giorno vuoi spendere un po' di più, prova un "bordò", però sappi che è un vino molto costoso (uno serio è sopra almeno i 50 euro).
Il bordò è un vitigno antico che le marche stanno lentamente riscoprendo... forse è il vero di questa zona.
per la birra ti consiglio Carnival, la fanno ad offida. Metti in preventivo che parliamo dai 7 euro a bottiglia per una 75cl.
A fine mese c'è "castello di birra" a sant'omero, dal 30 al 4 giugno. C'è anche Carnival, così puoi provarle.

ah, per la questione brunello o montepulciano: non c'è niente di male, un vitigno non è superiore per diritto acquisito. Se prendi un barolo da 10 euro fa vomitare rispetto ad un montepulciano di pari prezzo. Se prendi il Kurni è un 100% montepulcinao ma è un eccellenza mondiale.
Per BACCO
Per fare un parallelismo Bellini ha avuto/ha con la cantina le stesse difficoltà della squadra. Stando lontano ha affidato le sorti della cantina alle persone cambiando più volte (così mi sembra sia successo), stessa cosa nel calcio. Di positivo nella metafora c'è che qualche vino migliore, rispetto al passato, l'ho bevuto. Speriamo anche nel calcio sia sempre un crescendo, e già lo è a mio parere.
PS
Di bordeaux comincia ad esserci una discreta scelta: Pantaleone (Ribalta), Oasi (Kurni), Mattoni ((Bordò).
Io una bottiglia ce l'ho ma aspetto i play-off del prossimo anno.

Inviato dal mio NX505J utilizzando Tapatalk

Avatar utente
ilducabolognese
Messaggi: 3532
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2006, 0:13

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da ilducabolognese » lunedì 29 maggio 2017, 0:07

Mi collego all'affermazione di superpicchio per confermare la bontà dei vini dei colli imolesi
culminanti in un cabernet da urlo che spesso porto in Ascol, in regalo agli amici che mi invitano
o che invito io.

Avatar utente
NILO
Messaggi: 9026
Iscritto il: martedì 11 gennaio 2011, 22:31

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da NILO » lunedì 29 maggio 2017, 0:07

Nostalgico ha scritto:
NILO ha scritto:
franz ha scritto:
NILO ha scritto:
franz ha scritto:Fatturato e patrimonio credo siano due cose differenti.
Cmq continuino i detrattori a "prenderlo in giro". Stiamo parlando tra noi, gente che prende 10, 20, 30, 50,000 (?), 100 mila(?) euro l'anno, commentando uno che ha speso MILIONI di euro per una cantina di vino. Forse uno sfizio, forse una sfida, forse una delle tante imprese che ha.
E chi "critica" il suo vino, che forse non sarà tra gli eccelsi ma che ha un suo posto dignitoso nella galassia dei vini italiani............ mi sa che è abituato al tavernello.
Siamo nellìepoca degli haters, perché sorprenderci?

bella questa. Non la dire in giro perchè sennò pensano che ti fai il Ronco per endovena.
Lascia perde, il vino è un altra cosa.
Mi sa che non hai bevuto mai quello buono, non dico il sassicaia, il kurni, il Rinaldi, un trebbinao di valentini o un Romanee-conti, anche un cencio di Verdicchio in grazia di Dio, perchè il vino di Bellini è più barrique che vino, va bene per i Canadesi, in italia è una barzelletta
Sono contento per te per la tua competenza e conoscenza dei vini, un altro tuo aspetto che scopriamo ora. Io personalmente non me ne intendo molto e preferisco la birra. Per quanto riguarda il vino riesco a malapena a distinguere ciò che è tavernello e ciò che non lo è, senza arrivare a citare i nomi che hai fatto tu di cui alcuni mi sono sconosciuti. Vado a gusto personale: figurati che una volta li assaggiai entrambi e ad un Brunello preferii un Montepulciano d'abruzzo, mi piaceva di più.

Solo che forse hai perso di vista ciò che intendevo, e cioè non che il vino di Bellini è Ottimo, non ho la competenza per dirlo, al massimo dico che non mi dispiace il suo pecorino a cui cmq preferisco il De Angelis (bevo poco vino, mi capirai se non cerco l'eccellenza come te), però dico anche che il suo vino non è il tavernello (se tu mi dici che sono uguali ti credo sulla parola, sei tu ad intendertene) e sentire determinate persone che pur di attaccarlo dicono che il suo vino fa schifo..........mi fa sorridere e pensare che queste persone siano abituate al tavernello (senza infamia per il tavernello, l'ho citato solo come esmepio di vino "da battaglia").

Ovviamente il vino Domodimonti non vincerà mai un premio a Vinitaly, forse nel futuro se cambia ma non si sa, ma è proprio da buttare confrontato non con i top a cui sei abituato tu ma alla "galassia" di vini e vinelli che esistono?
Già che ci sono ti chiedo un parere illuminante: che mi dici di Velenosi? So che ha fatto passi da giganti vincendo premi ed espandendosi nel mercato. Io so solo che non mi dispiacciono (almeno un paio che ho provato). Grazie e ciao.

le critiche per partito preso senza alcun fondamento fatte da chi il vino lo beve per sete più che per cultura meritano solo sberleffi umani.
Parto dal fondo: Roggio del filare, ludi e The rose. Ma parti dal presupposto che Velenosi l'uva la compra (per la maggior parte).
Cmq non è che devi spendere una cifra per vini buoni, domidimonti costa una cifra ma un qualunque vino delle caniette, costa meno e lo surclassa. Prova anche Pantaleone. Rapporto qualità prezzo ottimo.
Se un giorno vuoi spendere un po' di più, prova un "bordò", però sappi che è un vino molto costoso (uno serio è sopra almeno i 50 euro).
Il bordò è un vitigno antico che le marche stanno lentamente riscoprendo... forse è il vero di questa zona.
per la birra ti consiglio Carnival, la fanno ad offida. Metti in preventivo che parliamo dai 7 euro a bottiglia per una 75cl.
A fine mese c'è "castello di birra" a sant'omero, dal 30 al 4 giugno. C'è anche Carnival, così puoi provarle.

ah, per la questione brunello o montepulciano: non c'è niente di male, un vitigno non è superiore per diritto acquisito. Se prendi un barolo da 10 euro fa vomitare rispetto ad un montepulciano di pari prezzo. Se prendi il Kurni è un 100% montepulcinao ma è un eccellenza mondiale.
Per BACCO
Per fare un parallelismo Bellini ha avuto/ha con la cantina le stesse difficoltà della squadra. Stando lontano ha affidato le sorti della cantina alle persone cambiando più volte (così mi sembra sia successo), stessa cosa nel calcio. Di positivo nella metafora c'è che qualche vino migliore, rispetto al passato, l'ho bevuto. Speriamo anche nel calcio sia sempre un crescendo, e già lo è a mio parere.
PS
Di bordeaux comincia ad esserci una discreta scelta: Pantaleone (Ribalta), Oasi (Kurni), Mattoni ((Bordò).
Io una bottiglia ce l'ho ma aspetto i play-off del prossimo anno.

Inviato dal mio NX505J utilizzando Tapatalk

ARSHURA! Cmq si scrive bordò, sembra un errore ma è così.
Casoranetti lo fa già da diversi anni ma è abbastanza inaccessibile. Anche il Cinabro delle caniette è ottimo, ed anche lui molto costoso. Diciamo che La Ribalta è un buon compromesso per cominciare, quello dei poderi san lazzaro non l'ho mai provato, si può trovare a meno meno.

In tutto questo Ciù Ciù e Domodimonti sanno di bestemmia.
Cmq meglio Ciù ciù che il tavernello, quesso sicuro.
« L'Ortodossia consiste nel non pensare — nel non aver bisogno di pensare. L'Ortodossia è inconsapevolezza. »
« BIG BROTHER IS WATCHING YOU »


FIDUCIA!

Nostalgico
Messaggi: 190
Iscritto il: martedì 21 ottobre 2008, 12:42
Località: Ascoli

Re: bellini: intervista di oggi sul carlino

Messaggio da Nostalgico » lunedì 29 maggio 2017, 8:27

NILO ha scritto:
Nostalgico ha scritto:
NILO ha scritto:
franz ha scritto:
NILO ha scritto:
franz ha scritto:Fatturato e patrimonio credo siano due cose differenti.
Cmq continuino i detrattori a "prenderlo in giro". Stiamo parlando tra noi, gente che prende 10, 20, 30, 50,000 (?), 100 mila(?) euro l'anno, commentando uno che ha speso MILIONI di euro per una cantina di vino. Forse uno sfizio, forse una sfida, forse una delle tante imprese che ha.
E chi "critica" il suo vino, che forse non sarà tra gli eccelsi ma che ha un suo posto dignitoso nella galassia dei vini italiani............ mi sa che è abituato al tavernello.
Siamo nellìepoca degli haters, perché sorprenderci?

bella questa. Non la dire in giro perchè sennò pensano che ti fai il Ronco per endovena.
Lascia perde, il vino è un altra cosa.
Mi sa che non hai bevuto mai quello buono, non dico il sassicaia, il kurni, il Rinaldi, un trebbinao di valentini o un Romanee-conti, anche un cencio di Verdicchio in grazia di Dio, perchè il vino di Bellini è più barrique che vino, va bene per i Canadesi, in italia è una barzelletta
Sono contento per te per la tua competenza e conoscenza dei vini, un altro tuo aspetto che scopriamo ora. Io personalmente non me ne intendo molto e preferisco la birra. Per quanto riguarda il vino riesco a malapena a distinguere ciò che è tavernello e ciò che non lo è, senza arrivare a citare i nomi che hai fatto tu di cui alcuni mi sono sconosciuti. Vado a gusto personale: figurati che una volta li assaggiai entrambi e ad un Brunello preferii un Montepulciano d'abruzzo, mi piaceva di più.

Solo che forse hai perso di vista ciò che intendevo, e cioè non che il vino di Bellini è Ottimo, non ho la competenza per dirlo, al massimo dico che non mi dispiace il suo pecorino a cui cmq preferisco il De Angelis (bevo poco vino, mi capirai se non cerco l'eccellenza come te), però dico anche che il suo vino non è il tavernello (se tu mi dici che sono uguali ti credo sulla parola, sei tu ad intendertene) e sentire determinate persone che pur di attaccarlo dicono che il suo vino fa schifo..........mi fa sorridere e pensare che queste persone siano abituate al tavernello (senza infamia per il tavernello, l'ho citato solo come esmepio di vino "da battaglia").

Ovviamente il vino Domodimonti non vincerà mai un premio a Vinitaly, forse nel futuro se cambia ma non si sa, ma è proprio da buttare confrontato non con i top a cui sei abituato tu ma alla "galassia" di vini e vinelli che esistono?
Già che ci sono ti chiedo un parere illuminante: che mi dici di Velenosi? So che ha fatto passi da giganti vincendo premi ed espandendosi nel mercato. Io so solo che non mi dispiacciono (almeno un paio che ho provato). Grazie e ciao.

le critiche per partito preso senza alcun fondamento fatte da chi il vino lo beve per sete più che per cultura meritano solo sberleffi umani.
Parto dal fondo: Roggio del filare, ludi e The rose. Ma parti dal presupposto che Velenosi l'uva la compra (per la maggior parte).
Cmq non è che devi spendere una cifra per vini buoni, domidimonti costa una cifra ma un qualunque vino delle caniette, costa meno e lo surclassa. Prova anche Pantaleone. Rapporto qualità prezzo ottimo.
Se un giorno vuoi spendere un po' di più, prova un "bordò", però sappi che è un vino molto costoso (uno serio è sopra almeno i 50 euro).
Il bordò è un vitigno antico che le marche stanno lentamente riscoprendo... forse è il vero di questa zona.
per la birra ti consiglio Carnival, la fanno ad offida. Metti in preventivo che parliamo dai 7 euro a bottiglia per una 75cl.
A fine mese c'è "castello di birra" a sant'omero, dal 30 al 4 giugno. C'è anche Carnival, così puoi provarle.

ah, per la questione brunello o montepulciano: non c'è niente di male, un vitigno non è superiore per diritto acquisito. Se prendi un barolo da 10 euro fa vomitare rispetto ad un montepulciano di pari prezzo. Se prendi il Kurni è un 100% montepulcinao ma è un eccellenza mondiale.
Per BACCO
Per fare un parallelismo Bellini ha avuto/ha con la cantina le stesse difficoltà della squadra. Stando lontano ha affidato le sorti della cantina alle persone cambiando più volte (così mi sembra sia successo), stessa cosa nel calcio. Di positivo nella metafora c'è che qualche vino migliore, rispetto al passato, l'ho bevuto. Speriamo anche nel calcio sia sempre un crescendo, e già lo è a mio parere.
PS
Di bordeaux comincia ad esserci una discreta scelta: Pantaleone (Ribalta), Oasi (Kurni), Mattoni ((Bordò).
Io una bottiglia ce l'ho ma aspetto i play-off del prossimo anno.

Inviato dal mio NX505J utilizzando Tapatalk

ARSHURA! Cmq si scrive bordò, sembra un errore ma è così.
Casoranetti lo fa già da diversi anni ma è abbastanza inaccessibile. Anche il Cinabro delle caniette è ottimo, ed anche lui molto costoso. Diciamo che La Ribalta è un buon compromesso per cominciare, quello dei poderi san lazzaro non l'ho mai provato, si può trovare a meno meno.

In tutto questo Ciù Ciù e Domodimonti sanno di bestemmia.
Cmq meglio Ciù ciù che il tavernello, quesso sicuro.
Oops, ho francesizzato troppo.
Arshura ottimo veramente ma è un"semplice" Montepulciano ". Il Rossobordò è prodotto col vitigno bordò. Sempre che non abbia cappellano di nuovo.
Chiudo l'OT

Inviato dal mio NX505J utilizzando Tapatalk

Rispondi