ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-guerra: 1949/50

I nostri cori, e la nostra Fede !

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Rispondi
asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-guerra: 1949/50

Messaggio da asbr73 » sabato 26 agosto 2017, 19:07

1949/50 – Promozione Interregionale (girone L)

Allenatore-giocatore è Luigi Del Grosso, provenienente dopo una lunga carriera dal Pisa in Serie B.
Ad Ascoli il 33enne emiliano - oltre a totalizzare 23 presenze in campo condite da 2 reti - comincia “ad imparare” quella carriera di allenatore che lo porterà addirittura al prestigioso premio “Seminatore d'Oro” (da tecnico della Reggiana negli Anni Cinquanta) e che spingerà nel 1981 i suoi concittadini di San Secondo Parmense ad intitolare proprio a lui il locale Stadio Comunale.
Del Grosso nel 1943 da giocatore del Treviso era stato decisivo protagonista nelle semifinali del Torneo Aldo Fiorini, quando 2 reti sue contribuirono ad eliminare proprio l'Ascoli “sul più bello”.
L'Ascoli 1949/50 di capitan Giambruno e di Pavoni, di Costantini e Frascarelli, dei fratelli Oddi e dei fratelli Natalini è autore di un campionato deludente e chiude 12esimo su 15 squadre, alle soglie della retrocessione (Koccian è di nuovo il nostro miglior goleador stagionale con 10 reti).
In Serie C viene promossa la Fermana.

Nella foto ritengo sia raffigurata la squadra che pareggia 2-2 con il "Forza e Coraggio" Avezzano il 21 maggio 1950 (ultima partita in casa del campionato).

Da sn in piedi: Orlando Nardi "in borghese", D'Amico, Pavoni, Tudini, Silvano Rossi, Frascarelli, Gaspari, Giambruno, un dirigente.
Da sn accosciati (verosimilmente): Musatti, Oddi II, Oddi I, Del Grosso.
Allegati
ap 49-50.jpeg

asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-guerra: 1949/50

Messaggio da asbr73 » sabato 26 agosto 2017, 19:34

Nel 1949 viene eletto presidente (Commissario Straordinario con la consulenza del rag. Guido Costantini) il marchese Silvio Del Duca Giugni.

Nel Dopo-Guerra la Società dell'Ascoli sta vivendo in effetti un perido “di transizione” ed infatti dopo Carlo Bartoli si sono succedute ogni anno persone diverse alla presidenza.
Nel '46 il dott. Giuseppe Silva, nel '47 Ernestina Panichi Seghetti (prima “presidentessa” d'Italia) e nel '48 Serafino Barbieri (Commissario Straordinario).
Allegati
Marchese Silvio Del Duca Giugni.jpg
Grazie all'utente Augustus Rex, che inviò la foto inedita mesi fa !
Marchese Silvio Del Duca Giugni.jpg (38.9 KiB) Visto 75 volte
Ultima modifica di asbr73 il sabato 26 agosto 2017, 22:32, modificato 1 volta in totale.

asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-guerra: 1949/50

Messaggio da asbr73 » sabato 26 agosto 2017, 19:37

E' visibile (credo per la prima volta in foto) LO STEMMA OVALE "storico" dell'Ascoli sulla maglia del portiere.
Allegati
ap 49-50.jpeg
ap 49-50.jpeg (5.31 KiB) Visto 74 volte

asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-guerra: 1949/50

Messaggio da asbr73 » sabato 26 agosto 2017, 20:12

Doveva essere qualcosa del genere....
Allegati
loghiascolicalcio.jpg
loghiascolicalcio.jpg (31.84 KiB) Visto 72 volte

Avatar utente
tozzi
Moderatore
Messaggi: 26158
Iscritto il: domenica 6 luglio 2008, 7:55
Settore Stadio: Curva Sud
Località: Lecce

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-guerra: 1949/50

Messaggio da tozzi » sabato 26 agosto 2017, 23:30

asbr73 ha scritto:
sabato 26 agosto 2017, 20:12
Doveva essere qualcosa del genere....
Che meraviglia.
"L'Ascoli è capace di grandi cose. Rende intimi amici persone che, senza l'Ascoli, normalmente si sarebbero magari solo conosciute, dei fratelli persone che eppure, senza l'Ascoli, le cui strade si sarebbero magari solo sfiorate. Dei consanguinei bianconeri, potremmo chiamarli, persone apparentemente che sono di estrazione sociale e culturale diversa, di dialetti diversi. Che, senza l'Ascoli, si sarebbero potuti incrociare probabilmente solo in un autogrill o in un supermercato, tutti invece animati da una delle grandi passioni della loro vita, se non la più grande, l'Ascoli calcio" (Costantino Rozzi, 12 Maggio 1989).

"Il cervello comanda il cuore, ma senza il cuore il cervello non funziona" (Francesco Bellini, 19 novembre 2014).

asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-guerra: 1949/50

Messaggio da asbr73 » sabato 23 settembre 2017, 18:02

Un ricordo della mezzala ARALDO D'AMICO.

Indossava la maglia del Chieti 46/47 sconfitto ad Ascoli 1-0.
Nel 48/49 e 49/50 indossa per 19 volte la maglia dell'Ascoli (4+15 presenze) segnando un unico gol a Vasto (sconfitta 3-2 il 18 dicembre 1949).

Ho trovato le parole del figlio Rudy, che ringrazia il curatore di un sito sul calcio abruzzese "d'epoca" ricordando il suo papà.
Riassumo.

Era una mezzala col vizio del gol.
Lo definirono "il fine tessitore" (amici un po' più giovani di lui lo ricordavano con questo soprannome), era ambidestro ma preferiva il sinistro, palla di prima e sforbiciate a volo, piede "cucchiaio".
Era correttissimo. In tutta la sua carriera ha preso forse una sola ammonizione. Una volta a Francavilla gli diedero un rigore a favore ingiusto sullo 0-0 agli ultimi 5 minuti di gara: lui senza polemizzare con l'arbitro lo tirò volontariamente a fallo laterale.

asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-guerra: 1949/50

Messaggio da asbr73 » domenica 22 ottobre 2017, 14:57

Si registra un'amichevole Ascoli-Lazio del 2 marzo 1950.
Perdemmo 2-3 (rimonta laziale dopo il primo tempo chiuso 2-0 per l'Ascoli).

Rispondi