ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-Guerra: 1945/46

I nostri cori, e la nostra Fede !

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Rispondi
asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-Guerra: 1945/46

Messaggio da asbr73 » domenica 7 maggio 2017, 18:38

Il Calcio Italiano riprende nel 1945/46 con tornei “di transizione” a tutti i livelli.
L'Ascoli è una delle 80 Società che - divise in 6 gironi - costituiscono la Lega Nazionale Centro-Sud, equivalente alla Terza Divisione (altre 112 squadre della medesima categoria sono impegnate nella Lega Nazionale Alta Italia !).
E' una squadra tutta “ascolana” (i giocatori sono praticamente tutti nati in città) ed abbiamo disponibile la meravigliosa foto del suo esordio in campionato: Ascoli - Gubbio - 2-0 (21 ottobre 1945).

L'Ascoli parte benissimo vincendo le prime 3 gare.
Dopo il buon esordio col Gubbio – battuto con doppietta del centrattacco Umberto Nardi - vinciamo anche a Chieti (2-1 schierando la medesima formazione), ancora grazie a Nardi che apre le marcature e grazie ad un'autorete (per la cronaca un'altra fonte riferisce di una doppietta del nostro Lattanzi).
Nuovamente lo scatenato Nardi è il “mattatore” nel 2-0 interno contro la Vis Pesaro alla III Giornata.
Alla IV giornata giunge la prima sconfitta (0-1) in trasferta contro il Perugia, che dominerà il campionato (per gli umbri 13 vittorie su 13 in casa e 73 gol totali, alla media di quasi 3 a partita) ed alla V giornata replichiamo la sconfitta col medesimo risultato sempre in terra perugina ma a Spoleto.
Il 25 novembre si gioca Ascoli – Urbino. La data diverrà storica perchè il 5-1 che ci vede vincitori è caratterizzato dal record assoluto di marcature multiple in maglia bianco-nera: il solito Nardi totalizza una clamorosa cinquina ed arriva a 10 gol in 6 partite !
Come testimoniato da Enrico Nardi - figlio del grande attaccante ascolano – il nostro centrattacco quel giorno oltre a segnare il pokerissimo (erroneo attribuire uno dei gol a Lagalla) centra tre volte i legni della porta avversaria !
Nardi apre le marcature anche a Porto Recanati – dove perdiamo 5-2 – e nel derby con la Maceratese, battuta sul nostro campo per 2-0.
Dopo il pareggio a reti bianche di Fano e la vittoria 2-1 sul Foligno arriva il 30 dicembre: è in programma Samb-Ascoli e riusciamo a pareggiare in riviera senza subire gol.
Il pari contro la Vigor Senigallia (sempre Nardi in gol) e la sconfitta di Giulianova chiudono il Girone d'Andata.

Classifica a metà Campionato:
Perugia 20, Giulianova 17, Senigallia 16, Foligno, Ascoli e Sambenedettese 15, Porto Recanati 14, Chieti 13, Pesaro 11, Maceratese 10, Spoleto, Fano e Gubbio 9, Urbino 6.

Nel Girone di Ritorno arrivano soltanto 3 vittorie: la prima col Chieti (altisonante 5-1 con rete avversaria di Rota - secondo le fonti teatine - o di Malinverni secondo i dati in mano al nostro “storico” Stefano Pellei), la seconda col Giulianova all'ultima Giornata (Lattanzi al 89'), la terza con la Samb nel recupero della terz'ultima Giornata (2-0 siglato Lagalla – Nardi).
Chiudiamo al decimo posto (su 14 squadre) assieme alla Maceratese.
Manteniamo la categoria chiudendo la Stagione con due vittorie di fila e con 23 punti in classifica.
Retrocesse ma poi “ripescate” le uniche tre squadre dietro di noi in classifica: Urbino e Fano (a -5) e Gubbio (a -6).

C'è anche un Torneo Post-Campionato (sorta di Coppa di Lega “di consolazione”) disputato da compagini di Serie A, Serie B e Serie C: fra 32 squadre risulterà vincitrice la Pistoiese.
L'Ascoli – che partecipa nel girone marchigiano dopo spareggio vinto con la Maceratese (2-1 siglato da Lagalla e Nardi a Porto S. Giorgio) – vince di misura le tre gare interne ma fra Ancona, Porto Recanati e Senigallia totalizza solo un punto in trasferta: siamo secondi dietro all'Anconitana, che aveva iniziato la Stagione perdendo contro la Roma nella Serie Maggiore (i dorici furono fanalino di coda nella Serie Mista A/B Centro-Sud). Lusinghiero dunque aver battuto una squadra all'epoca di categoria superiore.
Dal 16 giugno 1946 si va in vacanza.
Si riprenderà ad ottobre con la mastodontica Serie C 1946/47 (al via 266 squadre !).

asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-Guerra: 1945/46

Messaggio da asbr73 » domenica 7 maggio 2017, 18:43

E' l'Ascoli 1945/46.
Nella didascalia c'è scritto il nome di Toccaceli (non più in rosa, purtroppo caduto tragicamente in Russia) mentre in realtà si tratta di Frascarelli.
Il sangiorgese Pompei di nome fa Vladimiro (dunque il diminutivo immagino fosse Miro e non Millo).
Ovviamente il nome di Rossi è Bruno.
Il portiere Lucidi (nella foto con un viso sorridente assolutamente meraviglioso) dai racconti dei miei nonni era considerato una sorta di portiere eroico ed imbattibile, oltre che una persona simpaticissima (purtroppo recentemente scomparso).
Allenatore è l'ungherese Paolo Szalay.

Questa formazione fu schierata solo in Ascoli-Gubbio-2-0 ed in Chieti-Ascoli-1-2: lo sfondo però è quello del nostro stadio e quindi possiamo avere lo scoop: fu scattata il 21 ottobre 1945 !

E' la foto - permettetemi uno struggente ricordo - che più mi suggestiono' quando sfogliavo l'Album Storico Fotografico dell'Ascoli Calcio da bambino.
Allegati
ascoli - gubbio 2-0.jpg
Ultima modifica di asbr73 il mercoledì 23 agosto 2017, 0:24, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Picchio_Ale
Moderatore Plus
Messaggi: 14947
Iscritto il: sabato 3 febbraio 2007, 12:25
Settore Stadio: Distinti
Località: Ascoli Piceno

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-Guerra: 1945/46

Messaggio da Picchio_Ale » domenica 7 maggio 2017, 20:01

Il portiere era il cugino di mio padre.

asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-Guerra: 1945/46

Messaggio da asbr73 » domenica 7 maggio 2017, 22:02

Il portiere GUIDO LUCIDI è un mito per Ascoli !

Me lo raccontavano di una simpatia unica, di una semplicità disarmante e di una bravura e di un'agilità all'epoca "sovrumane".

asbr73
Messaggi: 3882
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Il Dopo-Guerra: 1945/46

Messaggio da asbr73 » martedì 22 agosto 2017, 23:38

Sarebbe magnifico avere notizie dai parenti sui giocatori di quegli anni, alcuni tuttora ben conosciuti in città.
Potremmo creare davvero una antologia.
Un appello al passa-parola per coinvolgere figli e nipoti dei bianconeri dell'epoca !

Rispondi