Ritratto del GRANDE Boro. Nostalgia...

On line dal 1999. Per parlare dell'Ascoli Calcio.

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Rispondi
asbr73
Messaggi: 4514
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Ritratto del GRANDE Boro. Nostalgia...

Messaggio da asbr73 » sabato 26 ottobre 2019, 21:06

http://allafacciadelcalcio.blogspot.com ... .html#more

Questo il link.
Splendido sito (per chi ama la Storia del calcio) e splendido ritratto del grandissimo CVETKOVIC.

Avatar utente
cri4picchio
Messaggi: 1626
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2018, 13:22
Settore Stadio: Tribuna Est

Re: Ritratto del GRANDE Boro. Nostalgia...

Messaggio da cri4picchio » sabato 26 ottobre 2019, 21:19

asbr73 ha scritto:
sabato 26 ottobre 2019, 21:06
http://allafacciadelcalcio.blogspot.com ... .html#more

Questo il link.
Splendido sito (per chi ama la Storia del calcio) e splendido ritratto del grandissimo CVETKOVIC.
:GoodJOB:
Grande Boro .... abitava vicino la clinica di San Marco con Arslanovic in Via Foligno o Via Perugia. Lo incontravo spesso. Mitico.
Poi quel videomessaggio dell' 8 giugno di quest'anno mi ha fatto quasi scappare la lacrimuccia.

Terrore di Zio ...Citato anche nell'articolo...
Il giocator jugoslavo diventa l'incubo in senso buono dell'indimenticabile giornalista Tonino Carino, il quale,nella trasmissione Novantesimo Minuto, fatica a trovare una procedura corretta del suo cognome. 
Epica vittoria interna per 2-0 contro il Cagliari del 15 Maggio 1983, un successo che permise alla squadra di Carlo Mazzone di restare in Serie A.
"Chi non c'era se lo deve far raccontare... Chi c'era non lo può dimenticare..."  Enrico Nicolini

„La serie A è nostra e nessuno ce la toglierà mai più. Resterà in eredità ai figli dei nostri figli.“ Costantino Rozzi.
:soccer: Sempre e solo ASCOLI :soccer:

asbr73
Messaggi: 4514
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: Ritratto del GRANDE Boro. Nostalgia...

Messaggio da asbr73 » sabato 26 ottobre 2019, 21:41

Veramente splendidi ricordi anche di Tonino Carino.

Nella fattispecie del suo "rapporto" con Cvetkovic mi faceva sempre sorridere pensare ai suoi servizi di quegli anni: ogni azione pronunciava il nome di BORO in modo diverso...Indimenticabile quando lo ribattezzo' (all'incirca) "Svestakovic".

Grande anche il nostro giornalista SIMBOLO.

Avatar utente
Picchio_Ale
Moderatore Plus
Messaggi: 16093
Iscritto il: sabato 3 febbraio 2007, 12:25
Settore Stadio: Tribuna Est
Località: Ascoli Piceno

Re: Ritratto del GRANDE Boro. Nostalgia...

Messaggio da Picchio_Ale » domenica 27 ottobre 2019, 9:37

Abitava in via Foligno. Il piano sopra il mio ufficio.

Avatar utente
Barelò
Messaggi: 20041
Iscritto il: lunedì 4 giugno 2007, 21:46
Settore Stadio: Uebcronaca
Località: Nervesa della Battaglia TV

Re: Ritratto del GRANDE Boro. Nostalgia...

Messaggio da Barelò » domenica 27 ottobre 2019, 16:44

Grazie per il link. Tanta nostalgia. Io ricordo anche il gol da giocoliere con cui battemmo in casa l'Udinese (1-0) e il primo gol della riscossa a Reggio Emilia (3-3 e promozione) dove - lui piccolino - s'innalzò in cielo per segnare di testa inserendosi tra De Vecchi e Facciolo
ASCOLI UNCIUETTABLE

Avatar utente
tozzi
Moderatore
Messaggi: 30844
Iscritto il: domenica 6 luglio 2008, 7:55
Settore Stadio: Curva Sud
Località: Lecce

Re: Ritratto del GRANDE Boro. Nostalgia...

Messaggio da tozzi » domenica 27 ottobre 2019, 19:04

Immenso Boro
"L'Ascoli è capace di grandi cose. Rende intimi amici persone che, senza l'Ascoli, normalmente si sarebbero magari solo conosciute, dei fratelli persone che eppure, senza l'Ascoli, le cui strade si sarebbero magari solo sfiorate. Dei consanguinei bianconeri, potremmo chiamarli, persone apparentemente che sono di estrazione sociale e culturale diversa, di dialetti diversi. Che, senza l'Ascoli, si sarebbero potuti incrociare probabilmente solo in un autogrill o in un supermercato, tutti invece animati da una delle grandi passioni della loro vita, se non la più grande, l'Ascoli calcio" (Costantino Rozzi, 12.05.1989).

"Non è importante cercare sempre un colpevole quando le cose non girano bene ma è fondamentale rendersi conto che dobbiamo essere sempre uniti: noi Società, la squadra, i tifosi e sentendoci nei momenti positivi come oggi, tutti protagonisti assoluti" (Massimo Pulcinelli, 7.04.2019)

Rispondi