Ritiro

On line dal 1999. Per parlare dell'Ascoli Calcio.

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

TResOR
Messaggi: 289
Iscritto il: giovedì 24 settembre 2015, 9:09
Settore Stadio: Curva Sud

Ritiro

Messaggio da TResOR »

Gli altri anni si avevano notizie da chi aveva la possibilità di seguire i ragazzi a Norcia,qualche foto ci scappava anche,quest anno che abbiamo più del 90% della rosa in ritiro neanche una mezza riga a riguardo

luigi61
Messaggi: 11503
Iscritto il: lunedì 26 gennaio 2009, 18:59
Settore Stadio: Curva Sud

Re: Ritiro

Messaggio da luigi61 »

Lo metto qui, in fondo riguarda il ritiro.
Da leggere, secondo me veramente molto interessante.

FABIO TRENTIN, IL PREPARATORE ATLETICO DELL'ASCOLI CALCIO.

Fabio Trentin è il nuovo preparatore atletico dell'Ascoli Calcio: trentaseienne di Borgo Valsugana, ha collaborato con Mister Zanetti due stagioni fa al Sud Tirol. Nonostante la giovane età, vanta una lunga esperienza nel settore della preparazione atletica: inizia a 23 anni nel Settore Giovanile del Chievo Verona, poi tre anni nel Domegliara, due anni al Mezzocorona, sei anni al Sud Tirol e nell'ultima stagione al Venezia in B con Mister Vecchi.

FUORI DALLA ZONA DI COMFORT: “Ascoli per me rappresenta l’opportunità di misurarmi in qualcosa di differente: ho scelto di uscire dalla mia zona di comfort per raggiungere qualcosa di più nella mia vita. E per superare i propri limiti bisogna rischiare anche di fallire. Questo è lo spirito che mi accomuna a tutti gli altri componenti dello staff e che trasferiremo ai ragazzi. Cos’è la zona di comfort? Ho sempre lavorato vicino casa, in Serie C ero sempre vicino alle mie radici, sempre piazze tranquille, gestioni semplici, giovani da valorizzare. Qui ad Ascoli mi misurerò con una realtà molto diversa. Sono felice e a mio agio in questa nuova avventura”.

PREPARATORE ATLETICO PER VOCAZIONE: "In 5^ elementare scrissi in un tema che da grande avrei voluto fare il preparatore atletico e oggi penso che, se anche fossi stato milionario, avrei comunque scelto di intraprendere questa strada. Al 3° anno di Scienze Motorie sostenni un esame sulla metodologia di allenamento, il docente era Roberto De Bellis, allora preparatore atletico del Chievo Verona, oggi al Cagliari. Presi 30 e lode e De Bellis mi chiese se avrei voluto lavorare nel campo della preparazione atletica. La mattina dopo ero nella sede del Chievo per iniziare la mia nuova avventura. Dopo la laurea ho conseguito a Verona il Master in “Preparazione atletica negli sport di squadra” e ora sto ultimando in Inghilterra il Master in “Sport and exercise nutrition”.

LO STAFF DI MISTER ZANETTI: "Le caratteristiche che accomunano tutti i componenti dello staff del Mister sono l'entusiasmo, la voglia di fare e la passione, aspetti fondamentali per raggiungere gli obiettivi. Tutti noi vogliamo arrivare lontano, abbiamo grandi motivazioni e ciascuno di noi vuole far diventare la propria passione il proprio lavoro. Ho già collaborato con il vice allenatore Bertolini, mentre con l'allenatore dei portieri Marini è la prima volta. Qui ad Ascoli ho trovato un collaboratore importante, Nazzareno Salvatori, che si sta rivelando una grande risorsa, sono decisamente soddisfatto perché non era così scontato che si instaurasse un bel rapporto fra un giovane come me e un professionista molto più grande e col triplo della mia esperienza, siamo stati bravi entrambi a non avere preconcetti”.

IL MISTER E IL LAVORO IN RITIRO: “Ho collaborato con tanti allenatori e vedo in Zanetti una persona che sa creare grande empatia con i componenti del suo staff, è molto intelligente, ha molto rispetto dei ruoli e mi consente di esprimermi al massimo. A Cascia stiamo lavorando quindici ore al giorno, approfittiamo di ogni momento della giornata per confrontarci, a colazione, nel tragitto a piedi dall’hotel al campo e poi nelle riunioni fiume quotidiane che proseguono fino a notte. Vogliamo curare ogni dettaglio, crediamo che l’organizzazione sia fondamentale e non una variabile negli allenamenti. L’organizzazione fa capire al calciatore che sappiamo bene cosa vogliamo, che abbiamo tracciato la strada verso cui vogliamo andare e che siamo disposti a tutto pur di arrivare in alto”.

LA SQUADRA E LA PREPARAZIONE IN RITIRO: “L’obiettivo del lavoro che stiamo facendo è quello di avere un equilibrio nel corso della stagione, senza picchi o cali di rendimento; le squadre in cui ho lavorato hanno fatto più punti nel girone di ritorno che in quello di andata. I calciatori si sono presentati dopo le vacanze da veri professionisti, i test svolti ad Ascoli sono stati decisamente positivi; sono molto soddisfatto per l’entusiasmo con cui si approcciano alle nostre proposte e per il tipo di atteggiamento che mettono in campo, stanno rispondendo tutti molto bene. Non proponiamo cose semplici, sia io che il Mister chiediamo grande intensità nei lavori e attenzione alta, quindi siamo consapevoli che le richieste siano elevate, ma tutti stanno rispondendo con grande disponibilità. E’ adesso che si costruisce una stagione, quindi le idee che mettiamo in pratica sono a lungo raggio”.

ALLENAMENTI MATTUTINI E ALIMENTAZIONE: “Nella settimana tipo ci alleneremo al mattino, un modo per seguire maggiormente i calciatori e per far sì che il fisico di ciascuno possa performare al meglio in partita. Oltre che calciatori bisogna essere atleti, curare l’alimentazione, dormire il giusto numero di ore. Condivideremo la colazione e, prima di ogni allenamento, ogni calciatore avrà una scheda personalizzata da svolgere fra cure e lavori individuali. Sto collaborando con Dottori e Fisioterapisti per curare l’alimentazione dei ragazzi oltre a stilare un programma specifico di integrazione. Abbiamo studiato il consumo medio calorico di ciascuno e programmato l’alimentazione da seguire”.

UN NUOVO SOFTWARE AL SERVIZIO DELL'ASCOLI: "Abbiamo da poco acquistato un software gestionale di altissimo livello, che utilizzano club come Atalanta, Empoli, Sampdoria. Questo software consente di far confluire i dati tecnici, fisici e medici in un’unica analisi statistica, molto approfondita, che dà ulteriore valore al nostro lavoro quotidiano. Ci sta portando via molte ore, soprattutto di notte, ma ne vale la pena”.
Agli stupidi non capita mai di pensare che il merito e la buona sorte sono strettamente correlati
Johann Wolfgang von Goethe

Avatar utente
albatros.67
Moderatore
Messaggi: 3969
Iscritto il: domenica 23 luglio 2006, 13:19
Settore Stadio: Curva Sud
Località: piceno

Re: Ritiro

Messaggio da albatros.67 »

luigi61 ha scritto:
mercoledì 17 luglio 2019, 16:39
Lo metto qui, in fondo riguarda il ritiro.
Da leggere, secondo me veramente molto interessante.

FABIO TRENTIN, IL PREPARATORE ATLETICO DELL'ASCOLI CALCIO.

Fabio Trentin è il nuovo preparatore atletico dell'Ascoli Calcio: trentaseienne di Borgo Valsugana, ha collaborato con Mister Zanetti due stagioni fa al Sud Tirol. Nonostante la giovane età, vanta una lunga esperienza nel settore della preparazione atletica: inizia a 23 anni nel Settore Giovanile del Chievo Verona, poi tre anni nel Domegliara, due anni al Mezzocorona, sei anni al Sud Tirol e nell'ultima stagione al Venezia in B con Mister Vecchi.

FUORI DALLA ZONA DI COMFORT: “Ascoli per me rappresenta l’opportunità di misurarmi in qualcosa di differente: ho scelto di uscire dalla mia zona di comfort per raggiungere qualcosa di più nella mia vita. E per superare i propri limiti bisogna rischiare anche di fallire. Questo è lo spirito che mi accomuna a tutti gli altri componenti dello staff e che trasferiremo ai ragazzi. Cos’è la zona di comfort? Ho sempre lavorato vicino casa, in Serie C ero sempre vicino alle mie radici, sempre piazze tranquille, gestioni semplici, giovani da valorizzare. Qui ad Ascoli mi misurerò con una realtà molto diversa. Sono felice e a mio agio in questa nuova avventura”.

PREPARATORE ATLETICO PER VOCAZIONE: "In 5^ elementare scrissi in un tema che da grande avrei voluto fare il preparatore atletico e oggi penso che, se anche fossi stato milionario, avrei comunque scelto di intraprendere questa strada. Al 3° anno di Scienze Motorie sostenni un esame sulla metodologia di allenamento, il docente era Roberto De Bellis, allora preparatore atletico del Chievo Verona, oggi al Cagliari. Presi 30 e lode e De Bellis mi chiese se avrei voluto lavorare nel campo della preparazione atletica. La mattina dopo ero nella sede del Chievo per iniziare la mia nuova avventura. Dopo la laurea ho conseguito a Verona il Master in “Preparazione atletica negli sport di squadra” e ora sto ultimando in Inghilterra il Master in “Sport and exercise nutrition”.

LO STAFF DI MISTER ZANETTI: "Le caratteristiche che accomunano tutti i componenti dello staff del Mister sono l'entusiasmo, la voglia di fare e la passione, aspetti fondamentali per raggiungere gli obiettivi. Tutti noi vogliamo arrivare lontano, abbiamo grandi motivazioni e ciascuno di noi vuole far diventare la propria passione il proprio lavoro. Ho già collaborato con il vice allenatore Bertolini, mentre con l'allenatore dei portieri Marini è la prima volta. Qui ad Ascoli ho trovato un collaboratore importante, Nazzareno Salvatori, che si sta rivelando una grande risorsa, sono decisamente soddisfatto perché non era così scontato che si instaurasse un bel rapporto fra un giovane come me e un professionista molto più grande e col triplo della mia esperienza, siamo stati bravi entrambi a non avere preconcetti”.

IL MISTER E IL LAVORO IN RITIRO: “Ho collaborato con tanti allenatori e vedo in Zanetti una persona che sa creare grande empatia con i componenti del suo staff, è molto intelligente, ha molto rispetto dei ruoli e mi consente di esprimermi al massimo. A Cascia stiamo lavorando quindici ore al giorno, approfittiamo di ogni momento della giornata per confrontarci, a colazione, nel tragitto a piedi dall’hotel al campo e poi nelle riunioni fiume quotidiane che proseguono fino a notte. Vogliamo curare ogni dettaglio, crediamo che l’organizzazione sia fondamentale e non una variabile negli allenamenti. L’organizzazione fa capire al calciatore che sappiamo bene cosa vogliamo, che abbiamo tracciato la strada verso cui vogliamo andare e che siamo disposti a tutto pur di arrivare in alto”.

LA SQUADRA E LA PREPARAZIONE IN RITIRO: “L’obiettivo del lavoro che stiamo facendo è quello di avere un equilibrio nel corso della stagione, senza picchi o cali di rendimento; le squadre in cui ho lavorato hanno fatto più punti nel girone di ritorno che in quello di andata. I calciatori si sono presentati dopo le vacanze da veri professionisti, i test svolti ad Ascoli sono stati decisamente positivi; sono molto soddisfatto per l’entusiasmo con cui si approcciano alle nostre proposte e per il tipo di atteggiamento che mettono in campo, stanno rispondendo tutti molto bene. Non proponiamo cose semplici, sia io che il Mister chiediamo grande intensità nei lavori e attenzione alta, quindi siamo consapevoli che le richieste siano elevate, ma tutti stanno rispondendo con grande disponibilità. E’ adesso che si costruisce una stagione, quindi le idee che mettiamo in pratica sono a lungo raggio”.

ALLENAMENTI MATTUTINI E ALIMENTAZIONE: “Nella settimana tipo ci alleneremo al mattino, un modo per seguire maggiormente i calciatori e per far sì che il fisico di ciascuno possa performare al meglio in partita. Oltre che calciatori bisogna essere atleti, curare l’alimentazione, dormire il giusto numero di ore. Condivideremo la colazione e, prima di ogni allenamento, ogni calciatore avrà una scheda personalizzata da svolgere fra cure e lavori individuali. Sto collaborando con Dottori e Fisioterapisti per curare l’alimentazione dei ragazzi oltre a stilare un programma specifico di integrazione. Abbiamo studiato il consumo medio calorico di ciascuno e programmato l’alimentazione da seguire”.

UN NUOVO SOFTWARE AL SERVIZIO DELL'ASCOLI: "Abbiamo da poco acquistato un software gestionale di altissimo livello, che utilizzano club come Atalanta, Empoli, Sampdoria. Questo software consente di far confluire i dati tecnici, fisici e medici in un’unica analisi statistica, molto approfondita, che dà ulteriore valore al nostro lavoro quotidiano. Ci sta portando via molte ore, soprattutto di notte, ma ne vale la pena”.
Davvero molto interessante! :okyy: Nuove metodologie per non lasciare nulla al caso.....Bene..bene... :-)
"IN DIREZIONE OSTINATA E CONTRARIA"
(F.De Andrè)


http://calciorusso.forumfree.it/

Avatar utente
Picchio_Ale
Moderatore Plus
Messaggi: 16486
Iscritto il: sabato 3 febbraio 2007, 12:25
Settore Stadio: Tribuna Est
Località: Ascoli Piceno

Re: Ritiro

Messaggio da Picchio_Ale »

luigi61 ha scritto:
mercoledì 17 luglio 2019, 16:39
Lo metto qui, in fondo riguarda il ritiro.
Da leggere, secondo me veramente molto interessante.

FABIO TRENTIN, IL PREPARATORE ATLETICO DELL'ASCOLI CALCIO.

Fabio Trentin è il nuovo preparatore atletico dell'Ascoli Calcio: trentaseienne di Borgo Valsugana, ha collaborato con Mister Zanetti due stagioni fa al Sud Tirol. Nonostante la giovane età, vanta una lunga esperienza nel settore della preparazione atletica: inizia a 23 anni nel Settore Giovanile del Chievo Verona, poi tre anni nel Domegliara, due anni al Mezzocorona, sei anni al Sud Tirol e nell'ultima stagione al Venezia in B con Mister Vecchi.

FUORI DALLA ZONA DI COMFORT: “Ascoli per me rappresenta l’opportunità di misurarmi in qualcosa di differente: ho scelto di uscire dalla mia zona di comfort per raggiungere qualcosa di più nella mia vita. E per superare i propri limiti bisogna rischiare anche di fallire. Questo è lo spirito che mi accomuna a tutti gli altri componenti dello staff e che trasferiremo ai ragazzi. Cos’è la zona di comfort? Ho sempre lavorato vicino casa, in Serie C ero sempre vicino alle mie radici, sempre piazze tranquille, gestioni semplici, giovani da valorizzare. Qui ad Ascoli mi misurerò con una realtà molto diversa. Sono felice e a mio agio in questa nuova avventura”.

PREPARATORE ATLETICO PER VOCAZIONE: "In 5^ elementare scrissi in un tema che da grande avrei voluto fare il preparatore atletico e oggi penso che, se anche fossi stato milionario, avrei comunque scelto di intraprendere questa strada. Al 3° anno di Scienze Motorie sostenni un esame sulla metodologia di allenamento, il docente era Roberto De Bellis, allora preparatore atletico del Chievo Verona, oggi al Cagliari. Presi 30 e lode e De Bellis mi chiese se avrei voluto lavorare nel campo della preparazione atletica. La mattina dopo ero nella sede del Chievo per iniziare la mia nuova avventura. Dopo la laurea ho conseguito a Verona il Master in “Preparazione atletica negli sport di squadra” e ora sto ultimando in Inghilterra il Master in “Sport and exercise nutrition”.

LO STAFF DI MISTER ZANETTI: "Le caratteristiche che accomunano tutti i componenti dello staff del Mister sono l'entusiasmo, la voglia di fare e la passione, aspetti fondamentali per raggiungere gli obiettivi. Tutti noi vogliamo arrivare lontano, abbiamo grandi motivazioni e ciascuno di noi vuole far diventare la propria passione il proprio lavoro. Ho già collaborato con il vice allenatore Bertolini, mentre con l'allenatore dei portieri Marini è la prima volta. Qui ad Ascoli ho trovato un collaboratore importante, Nazzareno Salvatori, che si sta rivelando una grande risorsa, sono decisamente soddisfatto perché non era così scontato che si instaurasse un bel rapporto fra un giovane come me e un professionista molto più grande e col triplo della mia esperienza, siamo stati bravi entrambi a non avere preconcetti”.

IL MISTER E IL LAVORO IN RITIRO: “Ho collaborato con tanti allenatori e vedo in Zanetti una persona che sa creare grande empatia con i componenti del suo staff, è molto intelligente, ha molto rispetto dei ruoli e mi consente di esprimermi al massimo. A Cascia stiamo lavorando quindici ore al giorno, approfittiamo di ogni momento della giornata per confrontarci, a colazione, nel tragitto a piedi dall’hotel al campo e poi nelle riunioni fiume quotidiane che proseguono fino a notte. Vogliamo curare ogni dettaglio, crediamo che l’organizzazione sia fondamentale e non una variabile negli allenamenti. L’organizzazione fa capire al calciatore che sappiamo bene cosa vogliamo, che abbiamo tracciato la strada verso cui vogliamo andare e che siamo disposti a tutto pur di arrivare in alto”.

LA SQUADRA E LA PREPARAZIONE IN RITIRO: “L’obiettivo del lavoro che stiamo facendo è quello di avere un equilibrio nel corso della stagione, senza picchi o cali di rendimento; le squadre in cui ho lavorato hanno fatto più punti nel girone di ritorno che in quello di andata. I calciatori si sono presentati dopo le vacanze da veri professionisti, i test svolti ad Ascoli sono stati decisamente positivi; sono molto soddisfatto per l’entusiasmo con cui si approcciano alle nostre proposte e per il tipo di atteggiamento che mettono in campo, stanno rispondendo tutti molto bene. Non proponiamo cose semplici, sia io che il Mister chiediamo grande intensità nei lavori e attenzione alta, quindi siamo consapevoli che le richieste siano elevate, ma tutti stanno rispondendo con grande disponibilità. E’ adesso che si costruisce una stagione, quindi le idee che mettiamo in pratica sono a lungo raggio”.

ALLENAMENTI MATTUTINI E ALIMENTAZIONE: “Nella settimana tipo ci alleneremo al mattino, un modo per seguire maggiormente i calciatori e per far sì che il fisico di ciascuno possa performare al meglio in partita. Oltre che calciatori bisogna essere atleti, curare l’alimentazione, dormire il giusto numero di ore. Condivideremo la colazione e, prima di ogni allenamento, ogni calciatore avrà una scheda personalizzata da svolgere fra cure e lavori individuali. Sto collaborando con Dottori e Fisioterapisti per curare l’alimentazione dei ragazzi oltre a stilare un programma specifico di integrazione. Abbiamo studiato il consumo medio calorico di ciascuno e programmato l’alimentazione da seguire”.

UN NUOVO SOFTWARE AL SERVIZIO DELL'ASCOLI: "Abbiamo da poco acquistato un software gestionale di altissimo livello, che utilizzano club come Atalanta, Empoli, Sampdoria. Questo software consente di far confluire i dati tecnici, fisici e medici in un’unica analisi statistica, molto approfondita, che dà ulteriore valore al nostro lavoro quotidiano. Ci sta portando via molte ore, soprattutto di notte, ma ne vale la pena”.
Poi non venite a dire che Grezzo non lo aveva detto, eh!
Sempre avanti! :GoodJOB:

rammas74
Messaggi: 242
Iscritto il: sabato 14 maggio 2011, 13:03

Re: Ritiro

Messaggio da rammas74 »

luigi61 ha scritto:
mercoledì 17 luglio 2019, 16:39
Lo metto qui, in fondo riguarda il ritiro.
Da leggere, secondo me veramente molto interessante.

FABIO TRENTIN, IL PREPARATORE ATLETICO DELL'ASCOLI CALCIO.

Fabio Trentin è il nuovo preparatore atletico dell'Ascoli Calcio: trentaseienne di Borgo Valsugana, ha collaborato con Mister Zanetti due stagioni fa al Sud Tirol. Nonostante la giovane età, vanta una lunga esperienza nel settore della preparazione atletica: inizia a 23 anni nel Settore Giovanile del Chievo Verona, poi tre anni nel Domegliara, due anni al Mezzocorona, sei anni al Sud Tirol e nell'ultima stagione al Venezia in B con Mister Vecchi.

FUORI DALLA ZONA DI COMFORT: “Ascoli per me rappresenta l’opportunità di misurarmi in qualcosa di differente: ho scelto di uscire dalla mia zona di comfort per raggiungere qualcosa di più nella mia vita. E per superare i propri limiti bisogna rischiare anche di fallire. Questo è lo spirito che mi accomuna a tutti gli altri componenti dello staff e che trasferiremo ai ragazzi. Cos’è la zona di comfort? Ho sempre lavorato vicino casa, in Serie C ero sempre vicino alle mie radici, sempre piazze tranquille, gestioni semplici, giovani da valorizzare. Qui ad Ascoli mi misurerò con una realtà molto diversa. Sono felice e a mio agio in questa nuova avventura”.

PREPARATORE ATLETICO PER VOCAZIONE: "In 5^ elementare scrissi in un tema che da grande avrei voluto fare il preparatore atletico e oggi penso che, se anche fossi stato milionario, avrei comunque scelto di intraprendere questa strada. Al 3° anno di Scienze Motorie sostenni un esame sulla metodologia di allenamento, il docente era Roberto De Bellis, allora preparatore atletico del Chievo Verona, oggi al Cagliari. Presi 30 e lode e De Bellis mi chiese se avrei voluto lavorare nel campo della preparazione atletica. La mattina dopo ero nella sede del Chievo per iniziare la mia nuova avventura. Dopo la laurea ho conseguito a Verona il Master in “Preparazione atletica negli sport di squadra” e ora sto ultimando in Inghilterra il Master in “Sport and exercise nutrition”.

LO STAFF DI MISTER ZANETTI: "Le caratteristiche che accomunano tutti i componenti dello staff del Mister sono l'entusiasmo, la voglia di fare e la passione, aspetti fondamentali per raggiungere gli obiettivi. Tutti noi vogliamo arrivare lontano, abbiamo grandi motivazioni e ciascuno di noi vuole far diventare la propria passione il proprio lavoro. Ho già collaborato con il vice allenatore Bertolini, mentre con l'allenatore dei portieri Marini è la prima volta. Qui ad Ascoli ho trovato un collaboratore importante, Nazzareno Salvatori, che si sta rivelando una grande risorsa, sono decisamente soddisfatto perché non era così scontato che si instaurasse un bel rapporto fra un giovane come me e un professionista molto più grande e col triplo della mia esperienza, siamo stati bravi entrambi a non avere preconcetti”.

IL MISTER E IL LAVORO IN RITIRO: “Ho collaborato con tanti allenatori e vedo in Zanetti una persona che sa creare grande empatia con i componenti del suo staff, è molto intelligente, ha molto rispetto dei ruoli e mi consente di esprimermi al massimo. A Cascia stiamo lavorando quindici ore al giorno, approfittiamo di ogni momento della giornata per confrontarci, a colazione, nel tragitto a piedi dall’hotel al campo e poi nelle riunioni fiume quotidiane che proseguono fino a notte. Vogliamo curare ogni dettaglio, crediamo che l’organizzazione sia fondamentale e non una variabile negli allenamenti. L’organizzazione fa capire al calciatore che sappiamo bene cosa vogliamo, che abbiamo tracciato la strada verso cui vogliamo andare e che siamo disposti a tutto pur di arrivare in alto”.

LA SQUADRA E LA PREPARAZIONE IN RITIRO: “L’obiettivo del lavoro che stiamo facendo è quello di avere un equilibrio nel corso della stagione, senza picchi o cali di rendimento; le squadre in cui ho lavorato hanno fatto più punti nel girone di ritorno che in quello di andata. I calciatori si sono presentati dopo le vacanze da veri professionisti, i test svolti ad Ascoli sono stati decisamente positivi; sono molto soddisfatto per l’entusiasmo con cui si approcciano alle nostre proposte e per il tipo di atteggiamento che mettono in campo, stanno rispondendo tutti molto bene. Non proponiamo cose semplici, sia io che il Mister chiediamo grande intensità nei lavori e attenzione alta, quindi siamo consapevoli che le richieste siano elevate, ma tutti stanno rispondendo con grande disponibilità. E’ adesso che si costruisce una stagione, quindi le idee che mettiamo in pratica sono a lungo raggio”.

ALLENAMENTI MATTUTINI E ALIMENTAZIONE: “Nella settimana tipo ci alleneremo al mattino, un modo per seguire maggiormente i calciatori e per far sì che il fisico di ciascuno possa performare al meglio in partita. Oltre che calciatori bisogna essere atleti, curare l’alimentazione, dormire il giusto numero di ore. Condivideremo la colazione e, prima di ogni allenamento, ogni calciatore avrà una scheda personalizzata da svolgere fra cure e lavori individuali. Sto collaborando con Dottori e Fisioterapisti per curare l’alimentazione dei ragazzi oltre a stilare un programma specifico di integrazione. Abbiamo studiato il consumo medio calorico di ciascuno e programmato l’alimentazione da seguire”.

UN NUOVO SOFTWARE AL SERVIZIO DELL'ASCOLI: "Abbiamo da poco acquistato un software gestionale di altissimo livello, che utilizzano club come Atalanta, Empoli, Sampdoria. Questo software consente di far confluire i dati tecnici, fisici e medici in un’unica analisi statistica, molto approfondita, che dà ulteriore valore al nostro lavoro quotidiano. Ci sta portando via molte ore, soprattutto di notte, ma ne vale la pena”.
luigi61 ha scritto:
mercoledì 17 luglio 2019, 16:39
Lo metto qui, in fondo riguarda il ritiro.
Da leggere, secondo me veramente molto interessante.

FABIO TRENTIN, IL PREPARATORE ATLETICO DELL'ASCOLI CALCIO.

Fabio Trentin è il nuovo preparatore atletico dell'Ascoli Calcio: trentaseienne di Borgo Valsugana, ha collaborato con Mister Zanetti due stagioni fa al Sud Tirol. Nonostante la giovane età, vanta una lunga esperienza nel settore della preparazione atletica: inizia a 23 anni nel Settore Giovanile del Chievo Verona, poi tre anni nel Domegliara, due anni al Mezzocorona, sei anni al Sud Tirol e nell'ultima stagione al Venezia in B con Mister Vecchi.

FUORI DALLA ZONA DI COMFORT: “Ascoli per me rappresenta l’opportunità di misurarmi in qualcosa di differente: ho scelto di uscire dalla mia zona di comfort per raggiungere qualcosa di più nella mia vita. E per superare i propri limiti bisogna rischiare anche di fallire. Questo è lo spirito che mi accomuna a tutti gli altri componenti dello staff e che trasferiremo ai ragazzi. Cos’è la zona di comfort? Ho sempre lavorato vicino casa, in Serie C ero sempre vicino alle mie radici, sempre piazze tranquille, gestioni semplici, giovani da valorizzare. Qui ad Ascoli mi misurerò con una realtà molto diversa. Sono felice e a mio agio in questa nuova avventura”.

PREPARATORE ATLETICO PER VOCAZIONE: "In 5^ elementare scrissi in un tema che da grande avrei voluto fare il preparatore atletico e oggi penso che, se anche fossi stato milionario, avrei comunque scelto di intraprendere questa strada. Al 3° anno di Scienze Motorie sostenni un esame sulla metodologia di allenamento, il docente era Roberto De Bellis, allora preparatore atletico del Chievo Verona, oggi al Cagliari. Presi 30 e lode e De Bellis mi chiese se avrei voluto lavorare nel campo della preparazione atletica. La mattina dopo ero nella sede del Chievo per iniziare la mia nuova avventura. Dopo la laurea ho conseguito a Verona il Master in “Preparazione atletica negli sport di squadra” e ora sto ultimando in Inghilterra il Master in “Sport and exercise nutrition”.

LO STAFF DI MISTER ZANETTI: "Le caratteristiche che accomunano tutti i componenti dello staff del Mister sono l'entusiasmo, la voglia di fare e la passione, aspetti fondamentali per raggiungere gli obiettivi. Tutti noi vogliamo arrivare lontano, abbiamo grandi motivazioni e ciascuno di noi vuole far diventare la propria passione il proprio lavoro. Ho già collaborato con il vice allenatore Bertolini, mentre con l'allenatore dei portieri Marini è la prima volta. Qui ad Ascoli ho trovato un collaboratore importante, Nazzareno Salvatori, che si sta rivelando una grande risorsa, sono decisamente soddisfatto perché non era così scontato che si instaurasse un bel rapporto fra un giovane come me e un professionista molto più grande e col triplo della mia esperienza, siamo stati bravi entrambi a non avere preconcetti”.

IL MISTER E IL LAVORO IN RITIRO: “Ho collaborato con tanti allenatori e vedo in Zanetti una persona che sa creare grande empatia con i componenti del suo staff, è molto intelligente, ha molto rispetto dei ruoli e mi consente di esprimermi al massimo. A Cascia stiamo lavorando quindici ore al giorno, approfittiamo di ogni momento della giornata per confrontarci, a colazione, nel tragitto a piedi dall’hotel al campo e poi nelle riunioni fiume quotidiane che proseguono fino a notte. Vogliamo curare ogni dettaglio, crediamo che l’organizzazione sia fondamentale e non una variabile negli allenamenti. L’organizzazione fa capire al calciatore che sappiamo bene cosa vogliamo, che abbiamo tracciato la strada verso cui vogliamo andare e che siamo disposti a tutto pur di arrivare in alto”.

LA SQUADRA E LA PREPARAZIONE IN RITIRO: “L’obiettivo del lavoro che stiamo facendo è quello di avere un equilibrio nel corso della stagione, senza picchi o cali di rendimento; le squadre in cui ho lavorato hanno fatto più punti nel girone di ritorno che in quello di andata. I calciatori si sono presentati dopo le vacanze da veri professionisti, i test svolti ad Ascoli sono stati decisamente positivi; sono molto soddisfatto per l’entusiasmo con cui si approcciano alle nostre proposte e per il tipo di atteggiamento che mettono in campo, stanno rispondendo tutti molto bene. Non proponiamo cose semplici, sia io che il Mister chiediamo grande intensità nei lavori e attenzione alta, quindi siamo consapevoli che le richieste siano elevate, ma tutti stanno rispondendo con grande disponibilità. E’ adesso che si costruisce una stagione, quindi le idee che mettiamo in pratica sono a lungo raggio”.

ALLENAMENTI MATTUTINI E ALIMENTAZIONE: “Nella settimana tipo ci alleneremo al mattino, un modo per seguire maggiormente i calciatori e per far sì che il fisico di ciascuno possa performare al meglio in partita. Oltre che calciatori bisogna essere atleti, curare l’alimentazione, dormire il giusto numero di ore. Condivideremo la colazione e, prima di ogni allenamento, ogni calciatore avrà una scheda personalizzata da svolgere fra cure e lavori individuali. Sto collaborando con Dottori e Fisioterapisti per curare l’alimentazione dei ragazzi oltre a stilare un programma specifico di integrazione. Abbiamo studiato il consumo medio calorico di ciascuno e programmato l’alimentazione da seguire”.

UN NUOVO SOFTWARE AL SERVIZIO DELL'ASCOLI: "Abbiamo da poco acquistato un software gestionale di altissimo livello, che utilizzano club come Atalanta, Empoli, Sampdoria. Questo software consente di far confluire i dati tecnici, fisici e medici in un’unica analisi statistica, molto approfondita, che dà ulteriore valore al nostro lavoro quotidiano. Ci sta portando via molte ore, soprattutto di notte, ma ne vale la pena”.
Articolo veramente interessante.... C'è una cura quasi maniacale dei dettagli il che non può che portare a cose positive alla lunga... È cmq sintomo di serietà ambizione e voglia di vincere e da l idea di una società in crescita

Avatar utente
Rex Erection
Messaggi: 357
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2017, 11:20
Settore Stadio: Radio

Re: Ritiro

Messaggio da Rex Erection »

Boh ragazzi io quando sento parlare di dati statistici.....colazioni.....empatia fra giocatori e barbecue...........mi torna in mente maresca..poi per carità zanetti è un allenatore

cruciale sarà la partita di coppa italia, devi vincere... perchè se rincominciamo con gli alibi (caldo, "sforzi" eccessivi, la fregna che te ceca) sarà il solito campionato da debuttante..peccato che ormai ci stiamo da un po in b..

RAGNO
Messaggi: 14146
Iscritto il: giovedì 3 febbraio 2011, 14:11

Re: Ritiro

Messaggio da RAGNO »

Maresca aveva a disposizione una rosa 10 volte inferiore a quella di Zanetti.
Neanche Mourinho Conte Sarri avrebbe potuto fare miracoli....quando vivevi solo sulla speranza dei gol di Favilli ed avevi in rosa un solo terzino sx (Mignanelli).
Zanetti avrà a disposizione una rosa competitiva e, son certo, farà bene.
Ovviamente anche io spero di superare il primo turno di Coppa Italia (basta le solite brutte figure ormai diventate tradizione), anche perché incontreresti probabilmente il 18 agosto una squadra di serie A...e sarebbe un buon test per l'inizio del campionato.

luigi61
Messaggi: 11503
Iscritto il: lunedì 26 gennaio 2009, 18:59
Settore Stadio: Curva Sud

Re: Ritiro

Messaggio da luigi61 »

RAGNO ha scritto:
giovedì 18 luglio 2019, 8:31
Maresca aveva a disposizione una rosa 10 volte inferiore a quella di Zanetti.
Neanche Mourinho Conte Sarri avrebbe potuto fare miracoli....quando vivevi solo sulla speranza dei gol di Favilli ed avevi in rosa un solo terzino sx (Mignanelli).
Zanetti avrà a disposizione una rosa competitiva e, son certo, farà bene.
Ovviamente anche io spero di superare il primo turno di Coppa Italia (basta le solite brutte figure ormai diventate tradizione), anche perché incontreresti probabilmente il 18 agosto una squadra di serie A...e sarebbe un buon test per l'inizio del campionato.
Ragno secondo te quindi la differenza tra Zanetti e Maresca sarebbe solo nella rosa a disposizione? Spero di no, spero che serva anche altro oltre che una buona rosa, altrimenti non si spiegherebbero annate fallimentari di allenatori con a disposizione squadre assolutamente competitive. E secondo me, tra Maresca e Zanetti, c’e Non un mare, ma un oceano di differenza!!
Agli stupidi non capita mai di pensare che il merito e la buona sorte sono strettamente correlati
Johann Wolfgang von Goethe

Avatar utente
GREZZO
Messaggi: 20670
Iscritto il: lunedì 22 maggio 2006, 18:10
Settore Stadio: Curva Sud

Re: Ritiro

Messaggio da GREZZO »

Rex Erection ha scritto:
mercoledì 17 luglio 2019, 23:39
Boh ragazzi io quando sento parlare di dati statistici.....colazioni.....empatia fra giocatori e barbecue...........mi torna in mente maresca..poi per carità zanetti è un allenatore

cruciale sarà la partita di coppa italia, devi vincere... perchè se rincominciamo con gli alibi (caldo, "sforzi" eccessivi, la fregna che te ceca) sarà il solito campionato da debuttante..peccato che ormai ci stiamo da un po in b..
MARESCA non era un Allenatore nonostante avessimo una Società invidiata da TUTTI...................... non poteva allenare perchè NON AVEVA I TITOLI, non era LEGALE! E senza nessuna esperienza precedente!
Lo avete visto come la gente è venuta qui allo Stadio, come ha gioito per la salvezza........PERCHE' QUI........è qualcosa di UNICO...................questo lo posso dire. UNICO significa che si vive il calcio......................in una MANIERA................................................A......A.....ALLUCINANTE!!!! Se uno non ha la forza di CAPIRLO rischia di..............................di........................SBANDARE!!!" by COSMI Serse

........ma rimango dell'opinione che una volta braccata la preda la devi sbranare, e non fartela scappare all'ultimo........by Zebro'

Lesson n° 2: SCANZETEVE!!! by Zebrò

RAGNO
Messaggi: 14146
Iscritto il: giovedì 3 febbraio 2011, 14:11

Re: Ritiro

Messaggio da RAGNO »

luigi61 ha scritto:
giovedì 18 luglio 2019, 8:49
Ragno secondo te quindi la differenza tra Zanetti e Maresca sarebbe solo nella rosa a disposizione? Spero di no, spero che serva anche altro oltre che una buona rosa, altrimenti non si spiegherebbero annate fallimentari di allenatori con a disposizione squadre assolutamente competitive. E secondo me, tra Maresca e Zanetti, c’e Non un mare, ma un oceano di differenza!!
......amico Luigi....ho un vantaggio rispetto a tanti tifosi.....l'esperienza! Non parlo di competenza.....solo esperienza.....
La differenza tra Maresca e Zanetti spero sia TOTALMENTE a favore di Zanetti.........ma saranno i risultati a certificarlo.....non le teorie.....
Unica certezza: Maresca aveva una rosa decisamente inferiore a quella che sarà a disposizione di Zanetti (negare ciò sarebbe un delitto)....che poi non era allenatore...amen!
Ma saranno i risultati sul terreno di gioco a stabilire il tutto.....e la mia speranza è di rivedere la A con Zanetti....
Ma immagina un Ascoli perdente le prime 5 partite....o che fa 1 punto in 5 partite....(capita nel calcio....capitò a Sarri con l'Empoli....4 punti in 9 gare....tornatene in banca era il commento dei tifosi empolesi rivolto a Sarri dopo empoli Ascoli 0-3...ma confermato dal presidente Corsi e poi sappiamo come è finita....finale play off per la A).
Poi cosa diranno i tifosi? Che Maresca era meglio.....perché almeno venne esonerato dopo 12 gare? Grandezza di un tecnico: RISULTATI....
Caro Luigi....io sono contento di un tecnico giovane, certamente preparato ecc ecc....ma quando mi nominano Maresca mi viene da sorridere.....a prescindere dal patentino...
ma che squadra aveva a disposizione? Non scherziamo su.....non mi sono sposato Maresca, ma occorre anche un po' di obiettività.....
Stammi bene

luigi61
Messaggi: 11503
Iscritto il: lunedì 26 gennaio 2009, 18:59
Settore Stadio: Curva Sud

Re: Ritiro

Messaggio da luigi61 »

RAGNO ha scritto:
giovedì 18 luglio 2019, 9:40
......amico Luigi....ho un vantaggio rispetto a tanti tifosi.....l'esperienza! Non parlo di competenza.....solo esperienza.....
La differenza tra Maresca e Zanetti spero sia TOTALMENTE a favore di Zanetti.........ma saranno i risultati a certificarlo.....non le teorie.....
Unica certezza: Maresca aveva una rosa decisamente inferiore a quella che sarà a disposizione di Zanetti (negare ciò sarebbe un delitto)....che poi non era allenatore...amen!
Ma saranno i risultati sul terreno di gioco a stabilire il tutto.....e la mia speranza è di rivedere la A con Zanetti....
Ma immagina un Ascoli perdente le prime 5 partite....o che fa 1 punto in 5 partite....(capita nel calcio....capitò a Sarri con l'Empoli....4 punti in 9 gare....tornatene in banca era il commento dei tifosi empolesi rivolto a Sarri dopo empoli Ascoli 0-3...ma confermato dal presidente Corsi e poi sappiamo come è finita....finale play off per la A).
Poi cosa diranno i tifosi? Che Maresca era meglio.....perché almeno venne esonerato dopo 12 gare? Grandezza di un tecnico: RISULTATI....
Caro Luigi....io sono contento di un tecnico giovane, certamente preparato ecc ecc....ma quando mi nominano Maresca mi viene da sorridere.....a prescindere dal patentino...
ma che squadra aveva a disposizione? Non scherziamo su.....non mi sono sposato Maresca, ma occorre anche un po' di obiettività.....
Stammi bene
Totalmente in disaccordo con te.
Maresca era il nulla e lo sta dimostrando ancora oggi, Zanetti, seppur in serie inferiori, (ma con risultati eccellenti) è un allenatore.
Basta questo per troncare ogni discorso, senza stare a scomodare la rosa.
Poi tutto può succedere, che Zanetti possa pure fare peggio di Maresca (faccio le corna e credo sia impossibile), ma ad oggi, la differenza tra i due è quella che ho detto.
Agli stupidi non capita mai di pensare che il merito e la buona sorte sono strettamente correlati
Johann Wolfgang von Goethe

RAGNO
Messaggi: 14146
Iscritto il: giovedì 3 febbraio 2011, 14:11

Re: Ritiro

Messaggio da RAGNO »

luigi61 ha scritto:
giovedì 18 luglio 2019, 10:06
Totalmente in disaccordo con te.
Maresca era il nulla e lo sta dimostrando ancora oggi, Zanetti, seppur in serie inferiori, (ma con risultati eccellenti) è un allenatore.
Basta questo per troncare ogni discorso, senza stare a scomodare la rosa.
Poi tutto può succedere, che Zanetti possa pure fare peggio di Maresca (faccio le corna e credo sia impossibile), ma ad oggi, la differenza tra i due è quella che ho detto.
Non sono riuscito a farmi capire....dunque non posso neanche dirti di essere in disaccordo con te....amen

luigi61
Messaggi: 11503
Iscritto il: lunedì 26 gennaio 2009, 18:59
Settore Stadio: Curva Sud

Re: Ritiro

Messaggio da luigi61 »

RAGNO ha scritto:
giovedì 18 luglio 2019, 10:36
Non sono riuscito a farmi capire....dunque non posso neanche dirti di essere in disaccordo con te....amen
Ultimamente ci comprendiamo poco....sarà l'età.. :sogghigno:
Agli stupidi non capita mai di pensare che il merito e la buona sorte sono strettamente correlati
Johann Wolfgang von Goethe

RAGNO
Messaggi: 14146
Iscritto il: giovedì 3 febbraio 2011, 14:11

Re: Ritiro

Messaggio da RAGNO »

luigi61 ha scritto:
giovedì 18 luglio 2019, 11:28
Ultimamente ci comprendiamo poco....sarà l'età.. :sogghigno:
tu sei vecchioooooooooooooooooooooooooooooo :sogghigno:

Avatar utente
GREZZO
Messaggi: 20670
Iscritto il: lunedì 22 maggio 2006, 18:10
Settore Stadio: Curva Sud

Re: Ritiro

Messaggio da GREZZO »

Io di metologie non me ne intendo. Ognuno ha un suo metodo e nessuno ha la ricetta magica. Ognuno ha un suo stile e sue convinzioni.....................quindi onestamente non sono in grado di esaltarmi sulla base di tecnicismi e modi di operare a livello di preparazione e di organizzazione. Ma una cosa è CHIARA.....................molto CHIARA: CHISCE non ci dorme la notte..................sta sempre a pensà LOCHE! Al di là dei metodi, quindi, è questa la cosa che mi da molta FIDUCIA...............e cioè fare del proprio lavoro una QUESTIONE DI ESISTENZA e al di là delle solite frasi UNIVOCHE di tutti i rappresentanti del calcio mondiale e cioè la passione, l''impegno etc. etc.........................................questo mi sembra da sottolineare..............e per come intendo la VITA io...............in questo MONDO di oggi.................fare del proprio lavoro una questione di esistenza.................è rivoluzionario!
Lo avete visto come la gente è venuta qui allo Stadio, come ha gioito per la salvezza........PERCHE' QUI........è qualcosa di UNICO...................questo lo posso dire. UNICO significa che si vive il calcio......................in una MANIERA................................................A......A.....ALLUCINANTE!!!! Se uno non ha la forza di CAPIRLO rischia di..............................di........................SBANDARE!!!" by COSMI Serse

........ma rimango dell'opinione che una volta braccata la preda la devi sbranare, e non fartela scappare all'ultimo........by Zebro'

Lesson n° 2: SCANZETEVE!!! by Zebrò

Rispondi