Preside’ se tu ci credi noi ci crediamo

On line dal 1999. Per parlare dell'Ascoli Calcio.

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Rispondi
Avatar utente
furetto58
Messaggi: 1947
Iscritto il: giovedì 26 novembre 2009, 22:49

Preside’ se tu ci credi noi ci crediamo

Messaggio da furetto58 » venerdì 2 novembre 2018, 0:06

Caro Massimo, grazie per le tue parole che sgorgano dalla tastiera di facebook dietro ho visto un cuore grande e forse
un amore grande per questi colori, per queste maglie. Le tue parole riportano lontano a giorni belli in cui il Picchio volava
e scaldava i cuori e la tifoseria, chi non si innamorava di una squadra che dettava legge in campo amico e nemico, che sollevava
polvere e gonfiava porte avversarie, chi non si univa sotto la grande bandiera bianconera, chi non prendeva l’ombrello per
andare sotto l’acqua a battere le mani ai propri beniamini nelle domeniche d’inverno, quando venti gelidi si affacciavano dal
Vettore e s’incuneavano nella vallata e battevano prepotenti al campo, ma i cuori, caro Massimo, erano caldi, si scaldavano con i tiri
di grandi campioni che palleggiavano sotto la curva, che danzavano davanti alla tribuna, che crossavano e tiravano per
confezionare vittorie e gioie, una piccola squadra di provincia, caro Massimo, un grande pubblico che in coro, percorreva il ponte intitolato al grande Costantino, in un unico coro in un unico grande ammasso umano avvolto in sciarpe bianconere!!
Le tue parole smuovono cuori solitari, riaccendono grosse speranze di ricostruire quella provinciale di lusso che calpestava
a grande merito campi illustri come Milano, Roma, Napoli o Torino seminando il panico e davano lezioni di calcio con umilta’ e tanto
lavoro dietro, possenti gambe, furbizia, cross e goal che da anni ormai abbiamo chiuso in un cassetto che apriamo soltanto
per berci una Meletti e ricordare, sfogliare il libro ormai un po’ ingiallito e sospirare quel profumo di goals che in ognuno di noi
e’ insito nel cuore!! Amico mio tanta acqua e’ passata sotto il Tronto, tanti tifosi sono invecchiati sotto quelle curve, adesso la vecchia generazione e’ stata sostituita dalla nuova generazione e i nonni ormai davanti alla ruetta, seduti nei tavolini di ferro al baratto sotto casa, raccontano di quegli anni, ahime’ troppo lontani, ricordano di quella palla fatta di corda, ricordano Anzivino, Anastasi, Bierhoff, e le azioni di una domenica rivivono nei loro cuori, perche’ il tifoso e’ sempre il tifoso, tutto cuore e passione
Ora questa generazione cari Massimo, non e’ cambiata, le trasferte, sono dure, ma tutti le affrontano con una speranza in piu’
nei cuori quella speranza, di ricostruire una squadra come quella, forse non forte come quelle, perche’ non e’ possibile, ma forte
nei cuori dei giocatori, nel cuore dei massaggiatori, allenatore, raccattapalle, innamorarsi di una maglia e vivere per una
maglia, giocare per quella maglia, avere in testa solo quella maglia, il tifoso di oggi chiede......amore per la maglia, attaccamento ai colori, ecco allora, che si spostano volentieri tutte le masse, ecco allora che sotto quella grande bandiera ritorneranno mille e mille
accendini, che ricominceranno a prepararsi zaini e scarpe da ginnastica per la trasferta e quelle trasferte saranno dure, faticose,
ma si faranno sicuri di una squadra che da battaglia fuori e dentro, perche’ i giocatori ci metteranno tutto il cuore, e si sa, con il cuore si smuovono montagne e si gonfiano reti, e poi ci sara’ soddisfazione, se riuscirai nell’intento di costruire questo amore
Potremo sicuramente, riprendere quel libro dal cassetto e attaccarci altre pagine memorabili della storia di questo grande immenso amore che e’ Il Picchio............se tu ci credi........io ci credo........noi ci crediamo......proviamoci caro Massimo, forse non e’ troppo tardi
Bye bye Furetto58 :Dx :Dx
Coccia pelata, mettiti il berretto, perché se mi prendi il raffreddore..

Rispondi