ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Del Duca Ascoli 1963/64. Torna il derby...

On line dal 1999. Per parlare dell'Ascoli Calcio.

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Rispondi
asbr73
Messaggi: 4236
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Del Duca Ascoli 1963/64. Torna il derby...

Messaggio da asbr73 » domenica 23 settembre 2018, 18:32

1963/64
Serie C - Girone C

Nel 1963/64 la Del Duca Ascoli conferma Alfredo Notti come allenatore ed ingaggia - fra gli altri - il centrocampista Franco Beccaccioli (dalla Tevere Roma), lo stopper Francesco Bigoni ed il centravanti Maurizio Cavazzoni (dall'Arezzo): i primi due saranno “titolarissimi” per anni sotto “le Cento Torri” mentre l'attaccante si fermerà un solo anno lasciando comunque un buon ricordo e risultando il capo-cannoniere bianco-nero grazie a 10 reti.
Grossa novità è che dopo ben 16 anni torna in Campionato l'attesissimo derby contro la Sambenedettese, neo-retrocessa dalla Serie B.
La Del Duca rimane imbattuta per le prime 12 partite (4 vittorie e 8 pareggi) poi perde 0-1 sia a Chieti che a domicilio col Marsala e chiude l'anno solare con la vittoria interna 2-1 sull'Akragas.
Il 1964 si apre con l'incontro Samb - Del Duca che si può definire il primo derby “dell'Era Moderna”, valido per la 16esima Giornata (penultima di andata): al 5' del secondo tempo il nostro Cavazzoni infila il portiere rossoblu Bandini e porta in vantaggio la Del Duca ma i padroni di casa trovano la rete del definitivo pareggio a metà ripresa con l'ala destra Pucci: questo 1-1 della vigilia dell'Epifania, in particolare, è la prima sfida della “guerra personale” che si instaura fra il piccolo attaccante santegidiese della Samb e Carletto Mazzone (Pucci ricorda ancora i “...Dove vai nanetto ?...” ed i “...Se ti avvicino ti spezzo in due !...” dichiarati “amorevolmente” dallo stopper bianconero per innervosirlo).
Il Girone d'Andata si chiude col 4-0 interno sulla Tevere Roma, “ricordevole” soprattutto per il terzo gol firmato da Cavazzoni, schierato ala sinistra (progressione dalla propria metà campo, “frenata improvvisa” al limite dell'area per evitare un difensore e per beffare il portiere in uscita, infine tiro angolato e vincente).
Dopo la sconfitta 0-1 in Puglia col Trani (destinato ad essere promosso in Serie B) il 26 gennaio si va a Salerno: il 2-1 per la Del Duca maturato nel primo tempo viene “trasformato” in 2-0 “a tavolino” causa invasione di campo da parte di tifosi campani a 2' dal termine.
Prosegue l'alternanza di risultati fino al derby di ritorno (3 vittorie e 4 pari in casa e - viceversa - 4 sconfitte e 3 pari in trasferta): il 17 maggio allo “Stadio delle Zeppelle” passa subito in vantaggio la Samb col “solito” Pucci (minuto 8') prima del pareggio ascolano ottenuto grazie al discusso e spesso deludente Cori, all'ultima gara in bianconero (punizione ad effetto che inganna il portiere ospite al 31').
La vittoria 1-0 di Roma ottenuta sulla Tevere (straordinaria la prestazione del nostro portiere Strulli) consente alla Del Duca di chiudere il campionato con un onorevole quarto posto, dietro a Trani, Chieti e Samb.

asbr73
Messaggi: 4236
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: ASCOLI LA NOSTRA STORIA. Del Duca Ascoli 1963/64. Torna il derby...

Messaggio da asbr73 » domenica 23 settembre 2018, 23:58

viewtopic.php?f=15&t=39248&p=798950#p798950

Completato con le foto "di rito".

Rispondi