Mi chiedo, vi chiedo...

On line dal 1999. Per parlare dell'Ascoli Calcio.

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Avatar utente
tozzi
Moderatore
Messaggi: 28461
Iscritto il: domenica 6 luglio 2008, 7:55
Settore Stadio: Curva Sud
Località: Lecce

Re: Mi chiedo, vi chiedo...

Messaggio da tozzi » domenica 15 aprile 2018, 15:11

DIE HARD ha scritto:
domenica 15 aprile 2018, 14:04
Spacciati é la parola giusta. Siamo spacciati.
Tuttavia e dico tuttavia se qualcuno alle prese con crisi di ansia si rifugiasse nella propria intimità familiare per soverchiarla anziché rigettarla in degli scritti sul web (che non dimentichiamoci essere publlici e che tutti posdono leggere) forse una flebilissima ma proprio diafana possibilità in più di disputare i play out ce l'avremmo. Picchio's karma.
Mi tocca quotare.
"L'Ascoli è capace di grandi cose. Rende intimi amici persone che, senza l'Ascoli, normalmente si sarebbero magari solo conosciute, dei fratelli persone che eppure, senza l'Ascoli, le cui strade si sarebbero magari solo sfiorate. Dei consanguinei bianconeri, potremmo chiamarli, persone apparentemente che sono di estrazione sociale e culturale diversa, di dialetti diversi. Che, senza l'Ascoli, si sarebbero potuti incrociare probabilmente solo in un autogrill o in un supermercato, tutti invece animati da una delle grandi passioni della loro vita, se non la più grande, l'Ascoli calcio" (Costantino Rozzi, 12 Maggio 1989).

Avatar utente
tozzi
Moderatore
Messaggi: 28461
Iscritto il: domenica 6 luglio 2008, 7:55
Settore Stadio: Curva Sud
Località: Lecce

Re: Mi chiedo, vi chiedo...

Messaggio da tozzi » domenica 15 aprile 2018, 15:13

Anzi sapete che c'è? Chiudo, tanto per parlare di Ascoli Parma, delle prospettive funeste piuttosto che rosee e di quant'altro ci sono tanti topic.
"L'Ascoli è capace di grandi cose. Rende intimi amici persone che, senza l'Ascoli, normalmente si sarebbero magari solo conosciute, dei fratelli persone che eppure, senza l'Ascoli, le cui strade si sarebbero magari solo sfiorate. Dei consanguinei bianconeri, potremmo chiamarli, persone apparentemente che sono di estrazione sociale e culturale diversa, di dialetti diversi. Che, senza l'Ascoli, si sarebbero potuti incrociare probabilmente solo in un autogrill o in un supermercato, tutti invece animati da una delle grandi passioni della loro vita, se non la più grande, l'Ascoli calcio" (Costantino Rozzi, 12 Maggio 1989).

Bloccato