Video Cosmi, Andreazzoli, Maietta e Krunic post Ascoli-Empoli 1-2

On line dal 1999. Per parlare dell'Ascoli Calcio.

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Oetzi
Messaggi: 1008
Iscritto il: lunedì 6 marzo 2017, 23:12
Settore Stadio: Curva Sud

Re: Video Cosmi, Andreazzoli, Maietta e Krunic post Ascoli-Empoli 1-2

Messaggio da Oetzi » lunedì 12 febbraio 2018, 5:00

Piceno ha scritto:
domenica 11 febbraio 2018, 23:38
Quindi che soluzioni concrete auspicheresti nel breve? O anche nel lungo, così magari potresti dare idee e soluzioni anche a chi non ne vede di fattibili.
La mia non è una provocazione, vorrei solo che i piagnistei fossero meno strumentali e più vicini alla realtà.
La realtà dice che siamo penultimi, come dici giustamente tu. Sottolineare il disallineamento ogni volta che si perde cosa porta in termini di bonus concreti, anche in proiezione futura, per l'Ascoli?
È sto passaggio che mi sfugge, ma io non faccio testo perché ragiono alla vecchia maniera in cui prima viene l'Ascoli e poi il mio pensiero disallineato, che semmai cercherei di esprimere con forza in altri modi (vedi vecchia gestione) e non durante i 90', magari disertando lo stadio, cercando di convincere la proprietà a cedere le quote a cordate in cui si ripone più fuducia, ecc...
Chiaramente se così fosse, sarei il primo degli ipocriti a dire che credo nella salvezza...che anzi osteggerei, pur di far valere il mio disallineamento.
Però, lo ripeto, non vedo molte leve che possano concretizzare l'agito nei desiderata...ma sarà colpa della mia miopia da tifoso romantico.
Io ho dato un significato ad un coro. Non l'ho fatto io. Non l'ho concepito io. Lo condivido? Intimamente si. Primo perché è figlio di risultati scadenti. La sconfitta di sabato non è arrivata casualmente al termine di un match equilibrato ma dopo una partita deludente. Questa squadra può salvarsi. Ma manca dello spirito giusto. Non crede nei propri mezzi. E fa bene. Perché non ne ha molti. Deve giocare una battaglia asimmetrica, fatta di agguati, non una guerra a campo aperto, ma una lotta partigiana fatta di sabotaggi, di incognite e di insicurezza per l'avversario. Noi stessi non abbiamo in realtà cognizione del valore dei nostri. Tu stesso ricordo bene hai definito questa una rosa a cui non manca nulla. Ed io pur se non vedo elementi da A (Addae e De Santis a parte) sono abbastanza d'accordo. Valiamo qualcosa in più della classifica. Ma allora ha ragione il tifoso ad incazzarsi perché la squadra potrebbe fare di più ma non ha lo spirito giusto. Ha la testa altrove. Quando si è richiamata la concentrazione con un ritiro abbiamo vinto fuori casa. Questo penso. Che dobbiamo fare mi chiedi. Mia nonna diceva "Aiutati che Dio ti aiuta". È la squadra a dover cambiare atteggiamento. Non il tifoso. Che prende atto dei risultati e del cuore con i quali arrivano. Il primo responsabile tecnico non ho dubbi è Buzzegoli. Non perché sia scarso, anzi. Ma dimostra di non avere il polso della situazione. Chi è il Capitano di questa squadra? Non lo vedo. Ed onestamente non ti saprei dire chi sia. Uno vale l'altro. Ed in questo trovo colpe societarie. La squadra si costruisce su un uomo che incarni un'idea. Ogni squadra ha un leader. Ma purtroppo ciò cozza con il Bellini pensiero che nel suo mondo vede lo staff, non la leadership. Perché l'idea di calcio è un'idea che non costi. Gli allenatori come Pep Guardiola il top avevano un maestro un'idea di calcio che abbiamo solo noi....una cosa speciale Mazzone....Mazzone è Ascoli Calcio. Tu sei Ascoli Calcio. Te lo dico col cuore perché mi ha commosso l'ultima parte del tuo post. Io sono Ascoli Calcio....modestamente e silenziosamente. Gli ultras sono Ascoli Calcio. Ciò che vediamo scendere in campo è l'Ascoli Picchio che è un altro modo di concepire il calcio. Il disallineamento lo vedo nei modi di concepire la partita. Ascoli Calcio è Del Duca un fortino dove una volta se volevi un pareggio dovevi sputare sangue. Ascoli Calcio è abnegZione non abulia. Ascoli Calcio è lotta è sangue è spirito combattivo. L'Ascoli Calcio raramente si trovava due goal sotto e se succede trovi sempre un espulso un rigore che riaccende tifo e speranze. Ciò che questa squadra non è capace di fare.

Avatar utente
Piceno
Messaggi: 2057
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 16:11
Settore Stadio: Curva Sud
Località: Piazza del Popolo

Re: Video Cosmi, Andreazzoli, Maietta e Krunic post Ascoli-Empoli 1-2

Messaggio da Piceno » lunedì 12 febbraio 2018, 10:20

Allora ha ragione Cosmi quando dice che la squadra deve farcela da sola.
Se così sarà, me lo auguro di cuore, poi non ci prendiamo in giro dicendo che è stato merito della contestazione. Perché sappiamo tutti che così non è. Perché ad una squadra priva di carattere, come hai descritto tu, serve più la tranquillità del ritiro che la sommossa a partita in corso. Per questo credo che belligerare oggi sui ruoli societari non porti nulla di concreto ai fini della salvezza. Non dico che è sbagliato farlo, ma secondo me a un Buzzegoli, a un Varela, allo stesso Cosmi che carica in più può trasmettere una contestazione alla società? Boh, me lo chiedo perché non riesco ad immedesimarmi in loro.
Anche per me è sacrosanto incazzarsi per i risultati, ma allora capisco di più chi inveisce contro la squadra, che è l'artefice dei risultati stessi. Invece al tifoso inviperito che fa quello che un tifoso inviperito ha sempre fatto, ossia fischiare i giocatori che sbagliano o non giocano con la grinta necessaria per salvarsi, gli si dice: "Ma che fischiate la squadra...e che è colpa loro? È colpa di chi li ha comprati!! Via da Ascoli!!". Il che di fondo è vero.
Ma oggi, o durante una partita ancora in bilico, il tifoso incazzato che dovrebbe agire istintivamente e d'impulso in preda allo sconforto, va a fare un ragionamento simile?
Boh, da quando seguo l'Ascoli ricordo decine e decine di contestazioni con cori rivolti ai giocatori "Andate a lavorare...e se oggi non vinciamo noi il cu.lo vi rompiamo...fuori le palle, ragazzi fuori le palle...non li pagare, o Rozzi non li pagare...", oppure con gesti forti, tipo croci al campo di allenamento, oppure raid dei tifosi alla ripresa degli allenamenti...alla società, che ha sempre avuto le sue colpe anche in passato, ci si pensava dopo, prima come obiettivo c'era la salvezza da raggiungere.
Oppure non si contestava e si decideva di dare sostegno ai giocatori, se si vedeva comunque impegno. Ed il "Noi e Voi" di Novara l'avevo inteso in questa direzione.
Poi arriva l'Empoli capolista, miglior attacco per distacco, 4 vittorie consecutive, 4-0 al Palermo e al Bari al S.Nicola...e sullo 0-2 si decide che della salvezza ce ne sbattiamo e la priorità diventa l'organigramma societario? Ma siamo certi che se Cardinaletti sparisse oggi stesso, noi ci salveremmo? Perché sembra sia così dall'andamento dei fatti.
Invece Cosmi ha fatto capire in sala stampa che dal "Noi e Voi" si aspettava altro. Ed anche la curva stessa ha dimostrato che certe dinamiche le considera secondarie, se è vero come è vero che sono partiti cori spontanei a sostegno della squadra sull'1-2, nati esclusivamente dalla passione e dall'amore per l'Ascoli.
Poi al 90' i fischi ci stanno, anche se lo schiacciasassi Empoli lo avevamo comunque limitato, pur coi nostri limiti.
Il fatto è che vedo poca chiarezza anche sugli obiettivi e le priorità dell'ambiente tutto inteso: salvezza o organigramma? Sostegno alla squadra o contestazione ad oltranza alla società? Per me ci siamo ficcati in un vicolo cieco e non da oggi...la squadra ha limiti evidenti, la società altrettanto, la tifoseria non è da meno.
Una malaugurata retrocessione, a sto punto, potrebbe essere anche salutare viste le premesse, perché equivarrebbe ad un reset generale, forse necessario anche se dolorosissimo per chi tiene con passione all'Ascoli.
Non vedo altra via di uscita, ad oggi.
LA NOSTRA FEDE NON FALLIRA' MAI !!!

Avatar utente
obn
Messaggi: 2462
Iscritto il: martedì 9 marzo 2010, 13:57

Re: Video Cosmi, Andreazzoli, Maietta e Krunic post Ascoli-Empoli 1-2

Messaggio da obn » lunedì 12 febbraio 2018, 12:21

Sarà, però di positivo nella retrocessione non riesco a vedere nulla.
Forse è meglio raccogliere l'invito di chi dice che non è il momento di stare a dividersi.
Bisogna tornare al NOI e VOI, puro e semplice (solo sostegno o critiche, senza polemiche che non riguardino il campo). La salvezza prima di tutto.
A giochi fatti (speriamo in positivo), è comunque doveroso che i riflettori si spostino sulla società.

asbr73
Messaggi: 4141
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: Video Cosmi, Andreazzoli, Maietta e Krunic post Ascoli-Empoli 1-2

Messaggio da asbr73 » lunedì 12 febbraio 2018, 14:29

Certamente è bene evitare di inasprire qualsiasi malcontento e di non aggiungere problemi a Cosmi ed ai giocatori.
Anche se non mi sembra che qualche urlo di disapprovazione possa essere etichettato contestazione.
Ricordo in altri tempi le centinaia di persone fuori dallo stadio in situazioni ben migliori di questa...

Rispondi