L'orgoglio di Bellini

On line dal 1999. Per parlare dell'Ascoli Calcio.

Moderatori: Moderatori, Moderatore Plus

Rispondi
Avatar utente
Pampali
Presidente
Messaggi: 6001
Iscritto il: domenica 6 novembre 2005, 13:06
Settore Stadio: SKY

L'orgoglio di Bellini

Messaggio da Pampali » domenica 12 novembre 2017, 23:35

penso (e/o spero) che sia questa la chiave per la salvezza.
imprenditore di fama mondiale, miliardario e con una squadra sola ed ultima in classifica. ci rimette in reputazione e molto.
ricordo bene le sue interviste sul magazzino canadese per italiani, dove sbandierava con orgoglio la sua nuova attività sportiva.
ora, che tutti si complimentano davanti, per deriderci dietro, qualcosa spero scatti in quest'uomo, per certi versi indecifrabile.
a parte la gestione virtuosa (che non voglio banalizzare o sminuire), bellini sul campo (squadra, punti, classifica) non batte neanche benigni, che le squadre le costruiva meglio anche con le tasche bucate.
"PAMPALI' JR"

MODERATORE "TIFOMETRO BIANCONERO"

:maglia: :bandiera2:

Avatar utente
obn
Messaggi: 2060
Iscritto il: martedì 9 marzo 2010, 13:57

Re: L'orgoglio di Bellini

Messaggio da obn » lunedì 13 novembre 2017, 8:21

Piano piano il puzzle delle vicende si è composto anche per il tifoso normale, e il quadro della disastrosa situazione tecnico-dirigenziale è ormai lampante.
Sta ora al Presidente scegliere di continuare, per tigna, a difendere l'indifendibile o di cambiare passo con decisioni che richiedono anche una dose di umiltà.
Ne sarà capace?
Spero di si perché l'alternativa è di fornire di sé stesso un'immagine di incapacità frammista a inaffidabilità.

Avatar utente
tozzi
Moderatore
Messaggi: 26178
Iscritto il: domenica 6 luglio 2008, 7:55
Settore Stadio: Curva Sud
Località: Lecce

Re: L'orgoglio di Bellini

Messaggio da tozzi » lunedì 13 novembre 2017, 8:47

obn ha scritto:Piano piano il puzzle delle vicende si è composto anche per il tifoso normale, e il quadro della disastrosa situazione tecnico-dirigenziale è ormai lampante.
Sta ora al Presidente scegliere di continuare, per tigna, a difendere l'indifendibile o di cambiare passo con decisioni che richiedono anche una dose di umiltà.
Ne sarà capace?
Spero di si perché l'alternativa è di fornire di sé stesso un'immagine di incapacità frammista a inaffidabilità.
Amen. Ora tocca a lui. Primo passo salire sull'aereo se già non lo ha fatto.
"L'Ascoli è capace di grandi cose. Rende intimi amici persone che, senza l'Ascoli, normalmente si sarebbero magari solo conosciute, dei fratelli persone che eppure, senza l'Ascoli, le cui strade si sarebbero magari solo sfiorate. Dei consanguinei bianconeri, potremmo chiamarli, persone apparentemente che sono di estrazione sociale e culturale diversa, di dialetti diversi. Che, senza l'Ascoli, si sarebbero potuti incrociare probabilmente solo in un autogrill o in un supermercato, tutti invece animati da una delle grandi passioni della loro vita, se non la più grande, l'Ascoli calcio" (Costantino Rozzi, 12 Maggio 1989).

"Il cervello comanda il cuore, ma senza il cuore il cervello non funziona" (Francesco Bellini, 19 novembre 2014).

Avatar utente
pikioboy
Messaggi: 3575
Iscritto il: lunedì 3 settembre 2007, 11:55
Settore Stadio: Curva Sud
Contatta:

Re: L'orgoglio di Bellini

Messaggio da pikioboy » lunedì 13 novembre 2017, 10:03

Il Capitano di un'azienda solitamente sta vicino a quella che soffre di più. In questo momento l'azienda Ascoli (se così vi piace chiamarla) soffre e sta male. Ed urge che la proprietà al più presto rientri in Ascoli. Non possiamo aspettare Gennaio.
Non sono una bandieruola...ma ieri quell'inno sparato a tutto volume è stato un'autogol pazzesco. Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. Ed allora via da Ascoli chi ha dato l'ordine. Non so quanto un allontanamento possa migliorare le cose in campo. In verità non so neanche se le cose in campo possano migliorare con un nuovo allenatore, anche se a vedere giocare Clemenza esterno mi prendono i cinque minuti...so solo che qualcosa va fatto prima di subito, che dobbiamo ritrovare una coesione tra ambiente squadra e società se vogliamo raccontarla.
Io sono tra quelli che crede che la squadra abbia valori per starci in B però Presidente torni presto, prima che crolli tutto, che la classifica (brutta ma certamente non irrimediabile) è il minore dei mali che ci attanaglia.
"I tifosi hanno continuato a incitare la squadra che perde 4a0; Bravi davvero i tifosi dell'Ascoli, sembra quasi stiano vincendo 4a0. Un pubblico eccezionale che sa che deve incitare i propri giocatori e lo sta facendo ancora ora con un grande spettacolo e un grande colpo d'occhio."(Giovani Scaramuzzino, Tutto il calcio minuto per minuto, 26/3/11)
Paulista ha scritto: In generale, io invece di sbraitare dieci giorni di fila contro Maresca, mi tengo le bestemmie in serbo se non vedo un mercato degno dei soldi incassati con Orsolini e che probabilmente incasseremo con Favilli. Allora si che mi girano le palle.

asbr73
Messaggi: 3885
Iscritto il: giovedì 5 luglio 2007, 17:48

Re: L'orgoglio di Bellini

Messaggio da asbr73 » lunedì 13 novembre 2017, 10:23

Con la sua schiettezza BELLINI porrà rimedio. Ne sono convinto.

Non è affatto - per sua stessa ammissione - esperto di calcio e calciatori.
Si è affidato per la parte sportiva ad uno staff che ha "caldeggiato" Maresca (con tutto il rispetto - ribadisco - scelta per me inconcepibile proprio come "filosofia") e che ha "azzerato" i punti di forza della squadra nell'ultimo biennio (ALLA FACCIA DELLA PROGRAMMAZIONE...).

Penso che dal punto di vista delle scelte tecniche (quelle quindi che incidono su chi e come va in campo) era difficile fare peggio.
Un plauso certamente alla VALORIZZAZIONE di alcuni giovanissimi, che però non mi sembra ci stia "cambiando la vita" economicamente e sportivamente.

Insomma è necessario fare dietro-front d parte di Bellini ed affidarsi a qualcuno che SA DI CALCIO.

RICHIAMARE LOVATO e renderlo pleni-potenziario dal punto di vista della gestione dell'ORGANICO mi sembra la soluzione ideale, al netto di eventuali retroscena personali che non conosco.
Però penso che per il bene dell'Ascoli l'ORGOGLIO che è necessario vada anche visto come capacità di rimediare agli errori ed eventualmente "ricucire".

Avatar utente
obn
Messaggi: 2060
Iscritto il: martedì 9 marzo 2010, 13:57

Re: L'orgoglio di Bellini

Messaggio da obn » lunedì 13 novembre 2017, 10:23

pikioboy ha scritto:
lunedì 13 novembre 2017, 10:03
Il Capitano di un'azienda solitamente sta vicino a quella che soffre di più. In questo momento l'azienda Ascoli (se così vi piace chiamarla) soffre e sta male. Ed urge che la proprietà al più presto rientri in Ascoli. Non possiamo aspettare Gennaio.
Non sono una bandieruola...ma ieri quell'inno sparato a tutto volume è stato un'autogol pazzesco. Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. Ed allora via da Ascoli chi ha dato l'ordine. Non so quanto un allontanamento possa migliorare le cose in campo. In verità non so neanche se le cose in campo possano migliorare con un nuovo allenatore, anche se a vedere giocare Clemenza esterno mi prendono i cinque minuti...so solo che qualcosa va fatto prima di subito, che dobbiamo ritrovare una coesione tra ambiente squadra e società se vogliamo raccontarla.
Io sono tra quelli che crede che la squadra abbia valori per starci in B però Presidente torni presto, prima che crolli tutto, che la classifica (brutta ma certamente non irrimediabile) è il minore dei mali che ci attanaglia.
due passaggi fondamentali...

Avatar utente
tozzi
Moderatore
Messaggi: 26178
Iscritto il: domenica 6 luglio 2008, 7:55
Settore Stadio: Curva Sud
Località: Lecce

Re: L'orgoglio di Bellini

Messaggio da tozzi » lunedì 13 novembre 2017, 10:24

pikioboy ha scritto:
lunedì 13 novembre 2017, 10:03
Il Capitano di un'azienda solitamente sta vicino a quella che soffre di più. In questo momento l'azienda Ascoli (se così vi piace chiamarla) soffre e sta male. Ed urge che la proprietà al più presto rientri in Ascoli. Non possiamo aspettare Gennaio.
Non sono una bandieruola...ma ieri quell'inno sparato a tutto volume è stato un'autogol pazzesco. Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. Ed allora via da Ascoli chi ha dato l'ordine. Non so quanto un allontanamento possa migliorare le cose in campo. In verità non so neanche se le cose in campo possano migliorare con un nuovo allenatore, anche se a vedere giocare Clemenza esterno mi prendono i cinque minuti...so solo che qualcosa va fatto prima di subito, che dobbiamo ritrovare una coesione tra ambiente squadra e società se vogliamo raccontarla.
Io sono tra quelli che crede che la squadra abbia valori per starci in B però Presidente torni presto, prima che crolli tutto, che la classifica (brutta ma certamente non irrimediabile) è il minore dei mali che ci attanaglia.
:okyy:
"L'Ascoli è capace di grandi cose. Rende intimi amici persone che, senza l'Ascoli, normalmente si sarebbero magari solo conosciute, dei fratelli persone che eppure, senza l'Ascoli, le cui strade si sarebbero magari solo sfiorate. Dei consanguinei bianconeri, potremmo chiamarli, persone apparentemente che sono di estrazione sociale e culturale diversa, di dialetti diversi. Che, senza l'Ascoli, si sarebbero potuti incrociare probabilmente solo in un autogrill o in un supermercato, tutti invece animati da una delle grandi passioni della loro vita, se non la più grande, l'Ascoli calcio" (Costantino Rozzi, 12 Maggio 1989).

"Il cervello comanda il cuore, ma senza il cuore il cervello non funziona" (Francesco Bellini, 19 novembre 2014).

Rispondi